LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

PreCrisi di Governo – Berlusconi: «Se la sinistra mi fa decadere il Governo cade e sarebbe disdicevole» Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Sabato 31 Agosto 2013 10:05

Potremmo iniziare questo articolo usando le parole magiche falchi, colombe e senatori, che poi non sono tanto distanti dalla realtà.

In queste ore Berlusconi sta giocando tutte le sue carte per evitare che venga  a decadere la sua carica di senatore e la conseguente esecuzione della pena di un anno (presumibilmente ai servizi sociali) che deve scontare per effetto della sentenza di frode fiscale del cosiddetto Processo Mediaset.

 

 

«Sarebbe disdicevole se il governo cadesse ma naturalmente non siamo disponibili a mandare avanti un governo se la sinistra dovesse intervenire su di me, sul leader del Pdl, impedendogli di fare politica» ha detto Silvio Berlusconi in un collegamento telefonico con Bassano del Grappa durante una riunione dell'Esercito di Silvio e prosegue «Abbiamo fatto le larghe intese, di pacificazione per vedere se si potesse mettere fine alla guerra civile, quella guerra fredda partita dopo il '48 invece avete visto quello che è successo siamo ancora in mezzo al guado»

Immediata la replica del ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini: «Il ricatto di Berlusconi va respinto al mittente a stretto giro di posta: non violeremo mai le regole dello Stato di diritto per allungare la durata del governo».

«Non ci sono margini al senato. Bisogna separare l'esecutivo dal resto» aveva dichiarato il premier alla festa nazionale del Pd in corso a Genova. «In un paese normale un condannato va a casa da solo» aveva sentenziato il sindaco di Firenze da Forlì.

Insomma lo scenario che si sta stagliando innanzi a noi è quello di una Crisi di Governo dalle conseguenze imprevedibili, o quasi.

È notizia di ieri che il Presidente Napolitano ha nominato quattro nuovi senatori a vita: il maestro Claudio Abbado, il fisico Premio Nobel Carlo Rubbia, l’architetto Renzo Piano e la Professoressa Elena Cattaneo.

Nomi impeccabili di cui finalmente arriva il massimo del riconoscimento che lo Stato possa dare, che possiamo dire in fin dei conti scontate, tranne quello della professoressa Cattaneo, non per i suoi indiscussi meriti, ma per età (è del 1962).

Ma al ragionamento del riconoscimento, un’altra fazione politica vede in queste nomine (tutti hanno detto qualcosa contro l’ex premier Berlusconi), una sorta di scacco di Re Giorgio ad un affossamento del Governo nel caso in cui Berlusconi possa decadere e alle conseguenti, praticamente irrevocabili, elezioni anticipate (temute dalle colombe di entrambi gli schieramenti) il cui esito, viste le precedenti elezioni, sarebbe incerto su tutti i fronti.

Alcune dichiarazioni dell’area PdL alle nomine presidenziali sono state le seguenti:

Roberto Calderoli (Lega Nord): «Qualcuno diceva che a pensar male si fa peccato ma qualche volta si indovina. Non vorrei mai queste nomine possano assumere l'importanza che i senatori a vita ebbero nel sostegno del governo Prodi. Vedo nel nostro futuro un Letta Bis con una rinnovata maggioranza».

Maurizio Bianconi (PdL): «Restiamo in fervida attesa di un voto determinante nel quale i cinque senatori a vita, creati da re Giorgio, saranno determinanti per la sconfitta del centrodestra».

Daniela Santanché (PdL): «Profondamente dispiaciuta per l'unico che doveva essere nominato senatore a vita e non lo è stato, ovvero Silvio Berlusconi. Sarebbe stato il migliore e la persona con più titoli e più meriti».

Ora non resta che aspettare la contromossa di liberazione dallo scacco di Silvio Berlusconi.

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site