LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Napoli – L’aggressione alla ragazza albanese è maturata nel giro della prostituzione Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Venerdì 14 Giugno 2013 17:46

Si stanno facendo sempre più nitidi i contorni dell’aggressione di ieri sera alla ragazza albanese, Toska Xhuli di 24 anni e non 25 come scritto precedentemente.

Infatti la ragazza massacrata è una prostituta.

Il giovane D’Esposito accusato di essere l’aggressore, avrebbe una relazione con un’altra donna di origine albanese che condivideva l’appartamento con Toska.

Secondo quanto ricostruito fino ad ora dagli inquirenti, dopo il pestaggio della ragazza, il D’Esposito sarebbe fuggita con l’altra ragazza albanese con la quale condivide una storia e due bambini, una figlio dell’albanese massacrata e l’altra figlio dell’altra donna.

Le motivazioni di tanta e tale bestialità non sono ancora chiare ai al procuratore aggiunto Giovanni Melillo e dal sostituto Giusi Loreto, e a causa del coma farmacologico in cui versa Toska, non è stato possibile interrogarla.

Da un punto di vista tecnico il giovane D’Esposito non è incensurato ma ha alcune denunce in passato per essere stato coinvolto in atti di violenza.

 

Come scritto in un precedente articolo, abbiamo denunciato lo stato di degrado e l’abbandono in cui versa il Centro Antico, e come si sia trasformato in un quartiere a luci rosse soprattutto ora che Castel Capuano non è più la sede del Tribunale di Napoli.

Il Sindaco di Napoli de Magistris in seguito all’aggressione ha detto: «Non posso che esprimere il più sentito dolore per la giovane Tosca Xhuli, vittima di un brutale pestaggio che rappresenta, per la nostra città, un vera e propria ferita intollerabile e inaccettabile. Il Comune di Napoli vuole essere in prima linea nella lotta alla violenza di genere che, insieme allo strumento della repressione, deve vedere attuato quello della prevenzione, anche culturale e sociale».

Le deputate napoletane Valeria Valente, Assunta Tartaglione, Luisa Bossa, Roberta Agostini, Giovanna Palma e Michela Rostan in un comunicato congiunto hanno detto: «I due episodi di violenza sulle donne verificatisi la scorsa notte nel centro storico di Napoli non permettono altre considerazioni: quella cui stiamo assistendo è una vera e propria escalation, bisogna intervenire subito, e sul piano del controllo del territorio e sul piano della rete tra forze dell'ordine, enti locali e operatori sociali. Per questo presenteremo un'interrogazione al ministro delle Pari Opportunità, Josefa Idem», e continuano, «Al governo chiederemo di intervenire al più presto supportando e potenziando, anche e soprattutto economicamente, l'attività delle associazioni e dei centri antiviolenza che già operano sul territorio e che come vere e proprie sentinelle aiutano le donne a reagire e denunciare e chiederemo altresì di verificare l'esercizio puntuale dei poteri e delle rispettive responsabilità da parte degli enti locali, in primis Comune e Regione. […]Il fenomeno ha ormai assunto dimensioni preoccupanti e la situazione è del tutto fuori controllo: dall'inizio dell'anno a Napoli quattro donne sono state ammazzate dai figli o dai compagni e molte altre sono state vittime di violenze sempre all'interno del contesto familiare. Segno che è lì, nella relazione tra i sessi all'interno del contesto familiare e sentimentale che bisogna intervenire subito e prioritariamente. Se non si mette in campo un lavoro di rieducazione al corretto e sano rapporto tra i sessi la situazione può solo peggiorare e niente sarà in grado di arginare il fenomeno».

Anche l’assessore allo Sport, Politiche giovanili, Politiche familiari e Pari opportunità Giuseppina Tommasielli, ha fatto una dichiarazione in seguito all’efferata aggressione di ieri sera: «Esprimo la mia ferma condanna verso questo episodio di barbarie ed occorre agire concretamente perché fatti del genere non accadano più. Anche alla luce di questo accadimento urge predisporre dei finanziamenti per la legge regionale n. 2 del 2011, la quale prevede Misure di prevenzione e di contrasto alla violenza di genere che, senza un impegno di spesa da parte della giunta regionale, sarebbe solo una norma imperfetta e quindi difficilmente applicabile. L'Amministrazione nella consapevolezza di quanto sia necessario coniugare repressione e prevenzione sin dal suo insediamento ha istituito il Nucleo di Emergenza Sociale e Tutela dei Minori della Polizia Municipale che si sta impegnando fortemente anche sul contrasto alla tratta».

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site