LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Napoli - Rischio Eruzione Campi Flegrei - Il dossier mantenuto segreto Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Sabato 13 Settembre 2014 13:07

La Protezione Civile ha deliberatamante nascosto alla pubblica opinione una pubblicazione dell'Istituto Nazionale di Vulcanologia (disponibile integralmente al pubblico clicca qui) in cui si evince il grande pericolo di una possibile eruzione non dalla parte del Vesuvio (ipermonitorato) ma dalla parte dei Campi Flegrei, area intensametne abitata che prende i quartieri  di Fuorigrotta, Soccavo e l'area flegrea di Pozzuoli, Bacoli e comuni limitrofi.

La ricerca è stata pubblicata su Journal of Applied Volcanology il 5 novembre 2012 (mentre l'articolo era stato presentato il 3 maggio 2012).

Da allora, il piano di sicurezza del territorio, con l'allargamento nella zona rossa della periferia occidentale di Napoli, ancora non è pronto.

 

Il metodo seguito dai ricercatori dell'Istituto fissa al 10 per cento le probabilità di un'eruzione nei Campi Flegrei.

Un livello stabile, registrato attraverso diversi parametri di valutazione, dunque la quota di rischio più alta dell'Europa continentale.

Nessun motivo di allarme, ma bisogna prevenire per difendersi.

Stesso discorso, ovviamente, per il Vesuvio, pericoloso soprattutto per la densità demografica condensata nel vasto circondario del cratere.

Si legge nell'abstract della pubblicazione (traduzione Google Traduttore)

Eventi vulcanici di alto rischio sono comunemente preceduti da lunghi periodi di disordini durante i quali gli scienziati sono chiamati a fornire previsioni in tempo reale.

La rarità di tali eventi, inaccessibilità del sistema vulcanico sotterraneo, comportamenti non lineari, e set di dati limitati costituiscono le principali fonti di incertezza.

Al fine di fornire una guida ragionata a fronte di incertezze, le osservazioni di monitoraggio e modelli concettuali / teorici devono essere inseriti in uno schema probabilistico formale e strutturato secondo i principi della scienza prove.

L'incertezza e soggettività sono componenti imprescindibili delle previsioni di pericolosità vulcanica, e devono essere affrontati e chiaramente comunicate alle autorità preposte e hai cittadini.

Qui, vi presentiamo il set-up di uno strumento automatico near-real-time per la previsione eruzione a breve termine per i Campi Flegrei Caldera (CFC), Italia.

Lo strumento, basato su un regime bayesiano albero Evento, tiene conto di tutte le informazioni disponibili, e la soggettività delle scelte è affrontato attraverso un esperimento di elicitazione 5-year-long con un team di circa 30 dei maggiori esperti della storia geologica, la dinamica e il monitoraggio di CFC.

Lo strumento fornisce valutazione probabilistica pronta in tempo quasi reale, che lo rende particolarmente adatto per il monitoraggio di una crisi in rapida evoluzione, ed è facilmente rivedibile volta nuove osservazioni e / o modelli diventano disponibili.

Le regole quantitative dietro lo strumento, che rappresentano la vista del gruppo della comunità suscitato di esperti, vengono definiti nel corso di un periodo di quiescenza, permettendo così controllo preliminare di qualsiasi contributo scientifico nel modello, e riducendo al minimo lo stress esterno su scienziati durante un'emergenza reale fase.

In particolare, i risultati mostrano anche che CFC può costituire una minaccia maggiore per la città di Napoli rispetto al più noto Vesuvio.

Come detto, la percentuale di un evento sismico-eruttivo è del 10%, ma da cittadini ci chiediamo perché, come al solito, le Autorità tacciono le evidence (per di più pubbliche)?

Cosa faremo e come ci muoveremo (semmai ci sarà il tempo) in caso di eruzione?

Già a gennaio toccammo il problema con il Vulcano Marsili, ed a giugno toccamo il problema Zona Rossa che includeva alcuni quartieri di Napoli confinanti con San Giorgio a Cremano e Portici, ma non faceva cenno minimo alla Zona Flegrea (e ancora ad oggi non viene inclusa).

Come accade sempre, passata la tempesta mediatica, in tempi brevissimi si tornerà a parlare d'altro... fin quando accadrà, prima o poi, l'irreparabile....


Riportiamo i link sul sito della Protezione Civile in caso di eruzione del Vesuvio

>>> Piano di emergenza Vesuvio del 2001 (aggiornato nel 2007)

>>> Aggiornamento del Piano nazionale di emergenza per il Vesuvio

>>> Direttiva del 14 febbraio 2014: disposizioni per l'aggiornamento della pianificazione di emergenza per il rischio vulcanico del Vesuvio

 

>>> Napoli – La nuova Zona Rossa ed il rischio Vesuvio (articolo del 01-06-2014)

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2021 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site