LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

ISIS - Attacco all'Hotel Corinthia di Tripoli - 5 morti e presi ostaggi Stampa
Scritto da ANSA   
Martedì 27 Gennaio 2015 15:08

Cinque morti nell'assalto di uomini armati all'hotel Corinthia di Tripoli. Un tweet diffuso da un gruppo affiliato all'Isis dice che l'attacco aveva come obiettivo 'diplomatici esteri'. I terroristi, tra i due e i 5, avrebbero preso ostaggi, di nazionalità filippina secondo funzionari della sicurezza. Tutti gli altri alberghi della citta' sono stati evacuati. Fonti della sicurezza libica hanno annunciato alcune ore dopo che i quattro terroristi nel Corinthia si sono fatti saltare in aria quando si sono resi conto di non avere più scampo.


 

L'Isis ha rivendicato l'attacco, una vendetta per la morte il 3 gennaio di Al Libi, uno dei leader di al Qaida e mente degli attentati alle ambasciate Usa in Africa negli anni 90.

L'Hotel Corinthia ospita anche cittadini italiani, che sarebbero comunque scampati all'attacco. Nell'albergo altri europei e turchi, oltre al premier del governo parallelo libico autoproclamatosi a Tripoli, Omar al Hassi, che al momento dell'attacco però non era nell'hotel. Il commando, dopo aver fatto esplodere un'autobomba nel parcheggio, è entrato sparando nella lobby dell'albergo e si è asserragliato con ostaggi al 26esimo piano.

L'albergo della capitale libica è di proprietà maltese. Il governo della Valletta, dopo l'attentato, ha attivato un'unità di crisi.

Obiettivo era 'premier parallelo' ++
L'attacco compiuto da un commando armato avrebbe avuto come obiettivo il premier del governo parallelo libico auto proclamatosi, Omar al Hassi, scampato all'agguato dopo essere stato evacuato dal retro. Lo dicono fonti maltesi secondo cui gli assalitori potrebbero essere legati al governo di Tobruk.

Gentiloni, attacco mira a boicottare negoziati "L'attentato è un tentativo di boicottare, danneggiare e influenzare negativamente gli sforzi in corso a Ginevra per riconciliare le parti in conflitto in Libia". Così il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, a Rabat: si tratta di "un ulteriore sintomo della pericolosità della situazione nella regione". La Farnesina e i servizi di intelligence "stanno monitorando in queste ore le condizioni di sicurezza a Tripoli". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, a proposito dell'ambasciata italiana nella capitale libica. "Teniamo costantemente la situazione sotto controllo", ha aggiunto.

 

Short URL: http://2cg.it/1f5

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site