LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Napoli - SAN GENNARO HA FATTO IL MIRACOLO 10.14 Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 19 Settembre 2016 08:27

 

 

Napoli - Il popolo di San Gennaro - Photogallery

 

Conferma ufficiale del Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, e dal Deputato della Cappella: SAN GENNARO HA FATTO IL MIRACOLO alle 10.38, 24 minuti dopo il nostro lancio di Agenzia

In un primo momento non è stato dato col solito fazzoletto bianco del deputato della Cappella, ma da quanto si vede dall'ampolla che mostra i segni della liquefazione. Il Cardinale Sepe stava per celebrare la Messa ed ha dato l'annuncio dopo.

 

 

All'annuncio del Cardinale, pochi minuti dopo le campane hanno suonato a distesa e fatti partire i fuochi d'artificio.

L'ampolla contenente il sangue è stata, come da tradizione, portata in processione dalla Cappella di San Gennaro all'altare; lungo il percorso, ai fedeli è apparso subito chiaro l'avvenuto prodigio ed è scattato un lungo applauso. Poi l'annuncio ufficiale, accompagnato dallo sventolio del fazzoletto bianco da parte di un membro della Deputazione di San Gennaro. Presenti nel Duomo le autorità civili e militari, tra loro il sindaco di Napoli (e in qualità di primo cittadino anche presidente della Deputazione) Luigi de Magistris e il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

 

Nella sua omelia il Cardinale di Napoli si è soffermato sui seguenti argomenti:

La solidarietà. In prima linea il mondo della solidarietà coinvolto a pieno titolo in questo San Gennaro settembrino. È stato proprio il cardinale Crescenzio Sepe a decidere di coinvolgere i detenuti per lanciare un segnale di amore e speranza nel segno della devozione: il 21 settembre alle 10, nella casa circondariale di Poggioreale, si terrà un concerto dal titolo particolarmente significativo: «Un sorriso per ricominciare». Sul palco del carcere salirà Pietro Quirino, con il Quartetto Calace, che intonerà il meglio del repertorio napoletano per regalare un momento di svago e allegria dedicato al patrono. Il concerto, ad ottobre, sarà replicato anche nel carcere di Pozzuoli.

Il monito sul lavoro. La mancanza di lavoro «è la piaga più grave e causa principale delle diseguaglianze». Così il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, nella sua omelia. La Chiesa di Napoli, ha spiegato, «si sente fortemente interpellata a calarsi nella realtà esistenziale della sua gente, che sta vivendo un momento difficile». Così facendo «succede di constatare che non tutti possono beneficiare delle stesse opportunità di crescita sociale, per cui accanto ai più fortunati convivono sacche di poveri». Proprio la mancanza di lavoro «è la causa più grave di queste diseguaglianze, ed è emblematico vedere le saracinesche abbassate di tanti negozi, costretti a chiudere mostrando un panorama avvilente in molte zone della città».

Contro i mercanti di morte. «I mercanti di morte e i meschini professionisti della violenza non prevarranno sulla dignità, la pace e la civile convivenza del nostro popolo, e dovranno arrendersi dinanzi a quegli uomini di buona volontà che lavorano ogni giorno per mantenere viva la speranza di un futuro migliore» ha proseguito Sepe. La camorra, la criminalità organizzata, «è la piaga più purulenta da estirpare - ha aggiunto - perché capace di contaminare e offendere un corpo già debole e provato». Di fronte a «chi pugnala Napoli alle spalle», ha proseguito il cardinale, «c'è chi continua ad amarla senza riserve con onestà, con civismo, col tendere la mano a chi è nel bisogno, col guardare con rispetto, per non sciuparle, le bellezze che ci circondano».

La visione della città. «Serve un visione complessiva e alta della città, pensando al suo futuro, oltre le emergenze» ha concluso il cardinale. «C'è chi continua ad amare Napoli - ha affermato - con onestà con civismo tendendo la mano a chi ne ha bisogno per non sciupare le sue bellezze». « Napoli non ha mai fatto mancare vento alla bandiera della speranza». Per Napoli, Sepe ha auspicato «una chiesa e una città tanto piene di misericordia da far cadere le braccia di chi ancora impugna armi o è pronto a farlo, facendosi schiavo della violenza e dell'odio, tradendo se stesso e la città. Questa è l'opera che la mia Chiesa vorrebbe consegnare al mondo».

I bambini. Ma c’è dell’altro. San Gennaro non dimentica i bambini, soprattutto quelli più disagiati, che vivono in quartieri difficili costretti ogni giorno a fare i conti con le emergenze: 250 ragazzi, sempre il giorno 21, alle 19, si esibiranno sul sagrato del Duomo. Sono i componenti delle bande musicali del progetto di formazione «Canta, suona e cammina» promosso dalla Curia con una doppia finalità: promuovere la musica tra i giovani e, attraverso questa, creare un’occasione di crescita culturale e sociale.

 

Short URL: http://2cg.it/3tu

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site