LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Napoli - Agguato a Piazza Nazionale - Parla il presunto killer: "non c’entro, quando questa storia finirà, sarò un uomo massacrato" Stampa
Scritto da Redazione   
Sabato 11 Maggio 2019 23:49

Stamane Armando Del Re, nell'interrogatorio di garanzia, ha risposto alle domande dei giudici difendendosi: "Non sono io quello del video - ha spiegato - abito nella zona delle Case nuove, quel giorno ero in casa o con i miei parenti, ha spiegato al Gip Alessandro Buccino Grimaldi. E al suo avvocato, il penalista napoletano Claudio Davino, ha spiegato: “i giornali mi stanno massacrando per questa storia della piccola ferita, ma non c’entro, quando questa storia finirà, sarò un uomo massacrato”.

Stando a quanto sta emergendo dalle indagini, una signora avrebbe memorizzato le tre cifre finali della targa che il presunto killer avrebbe usato per compiere la sua rappresaglia di camorra verso Salvatore Nurcaro, incurante di quanto altro sangue sarebbe stato versato in quel raid, dando poi lo spunto alle indagini per incriminare i fratelli Del Re arrestati due giorni fa.

A partire dalla targa, che è stato possibile recuperare una parte del tragitto dello sparatore, in un momento particolare: sono le 16.59 dello scorso tre maggio, quando viene captato un uomo vestito di nero, col casco integrale in sella alla moto incriminata.

Quattro minuti dopo, però, ad un chilometro di distanza, spunta un altro fotogramma che inquadrerebbe Armando Del Re, con abiti diversi in sella alla stessa moto.

Questo dettaglio potrebbe essere rilevante ai fini giudiziari per rilasciare o meno Armando Del Re.

Possibile che l'accusato si sia cambiato d'abito in un chilometro per eludere eventuali controlli?

Oppure siamo davanti ad uno scambio di persona e, come ipotizzato in precedenza, non è un agguato di camorra, ma una vendetta personale?

Salvatore Nurcaro è ancora attaccato ad un respiratore per le ferite alla gola e torace che ha subito durante la sparatoria, e per quanto ci è dato sapere, ancora non ha potuto dare la sua versione dei fatti e soprattutto indicare chi ce l'avesse a morte con lui per tentare di ammazzarlo in quell'agguato.

Unna storia che non possiamo fare altro che raccontare di volta in volta e che potrebbe avere capovolgimenti di fronte.

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site