LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Spagna - Catalogna - La "Sentenza Catalana" è abnorme Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Martedì 15 Ottobre 2019 08:46


>>> Breve storia della Catalogna del XX e XXI Secolo


A distanza di due anni dalla dichiarazione di indipendenza del 10 ottobre 2017 della Catalogna dalla Spagna, sono arrivate le sentenze, probabilmente abnormi, del processo contro i 12 leader indipendentisti catalani.


Dove eravamo rimasti

Il 10 ottobre 2017 Carles Puigdemont dopo il referendum e la proclamazine unilaterale di indipendenza dalla Spagna (tra l'altro la Catalogna è una delle regioni più ricche della Spagna) ma sospese la dichiarazione per cercare un dialogo con Mardid, quella che chiamammo CatExit.

Dopo due annidi processo che ha visto tra i testimoni anche l'ex Primo Ministro Mariano Rajoy il Tribunale Supremo spagnolo ha emesso le seguenti condanne:

Junqueras: 13 anni

Forcadell: 11, 5 anni

Sànchez: 9 anni

Cuixart: 9 anni

Romeva: 12 anni

Turull: 12 anni

Bassa: 12 anni

Forn: 10 anni e 6 mesi

Rull: 10 anni e 6 mesi

Vila, Mundó y Borràs: 1 anno

Nove leader indipendentisti – sia ex membri del governo guidato dal presidente Carles Puigdemont, sia leader di organizzazioni della società civile – sono stati condannati per il reato di sedizione, che punisce una rivolta pubblica contro l’autorità; nessuno è stato invece condannato per il reato più grave, la ribellione, che si verifica solo quando c’è un uso della violenza finalizzato a rovesciare l’ordine costituzionale.

Quattro ex ministri sono stati condannati anche per il reato di malversazione, cioè gestione illecita di fondi pubblici.

Altri tre imputati, gli unici che non si trovano in carcere preventivo, sono stati condannati solo per il reato di disobbedienza.

Dopo la sentenza, inoltre, il giudice Pablo Llarena, del Tribunale Supremo, ha riattivato il mandato di arresto europeo per Puigdemont, per i reati di sedizione e malversazione: una richiesta di estradizione per Puigdemont, che però includeva anche il reato di ribellione, era già stata esaminata da un tribunale tedesco lo scorso anno, ma era stata bocciata.

La condanna più grave è stato inflitta all’ex vicepresidente del governo indipendentista catalano Oriol Junqueras, del partito Esquerra Republicana (ERC), di sinistra.

Junqueras è stato condannato a 13 anni di carcere per sedizione, aggravata per la sua carica di vicepresidente, e malversazione.

L’ex presidente del Parlamento catalano, Carme Forcadell, è stata condannata a 11 anni e 6 mesi di carcere, mentre Jordi Cuixart e Jordi Sànchez, leader di due organizzazioni indipendentiste della società civile (Òmnium e Assemblea Nazionale Catalana) a 9 anni.

Nessuno degli imputati in custodia cautelare è stato condannato a meno di 9 anni di carcere.

Sentenze piuttosto dure che, però, a mio avviso, non hanno in considerazione quelle che possono essere le conseguenze di sommovimenti di popolo che in queste ore si stanno preparando in Catalogna, e che potrebbero sfociare in rivolte molto più sanguinose, un po' come avvenne nella Ex Jugoslavia negli anni '90.

Certo, forse è una visione più estremistica, ma quando in mezzo c'è una moltitudine popolare che ambisce (e lo dimostra nei modi democratici visti finora) ad una volontà di indipendenza, se abbiamo fatto nostre le nozioni che la Storia ci insegna altre sono le strade da intercorrere e non quelle repressive.

Felipe VI di Borbone ha la possibilità, come sovrano, di non ripetere il gravissimo errore storico del suo antenato napoletano Ferdinando IV di Napoli, che tramutò in un bagno di sangue la Rivolta Napoletana del 1799.

A Distanza di CCXX (ovvero 220) anni sarebbe molto, molto pericoloso...

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site