LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Champions - Torino - Miglirano le condizioni di Kelvin - Grave 38enne colpita da infarto Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 06 Giugno 2017 12:08

Migliorano ancora le condizioni di Kelvin, il bambino di 7 anni ferito sabato sera in piazza San Carlo.

Il piccolo paziente è sveglio e cosciente e respira da solo. Resta a scopo precauzionale la prognosi riservata: nei prossimi giorni, se continuerà a migliorare, uscirà dalla Rianimazione per essere ricoverato in un reparto di degenza.

 

 

Isak Nokho, il giovane senegalese che ha salvato Kelvin, ha incontrato la mamma del bambino all'ospedale Regina Margherita di Torino. A raccontare l'incontro è il quotidiano Il Tirreno che ha organizzato il viaggio del giovane che vive a Fucecchio (Firenze). Isak, con il suo amico Mohamed erano in piazza San Carlo la sera della finale di Champions e appena vista la situazione di pericolo hanno "coperto" il bambino di sette anni cercando di contenere la pressione della folla. Per incontrare la mamma di Kelvin Isak ha chiesto un permesso al Ciaf di Fucecchio, dove sta svolgendo servizio civile. "Grazie per averlo salvato". "Non lo dire, ho fatto ciò che avrebbe fatto chiunque": è lo scambio di battute tra i due, appena incontratisi, riportato dal quotidiano.

Infarto in piazza San Carlo, donna resta grave - Lotta tra la vita e la morte Erika P., la 38enne di Domodossola (Verbania) che sabato sera, in piazza San Carlo, è andata in arresto cardiaco per schiacciamento ed è ricoverata in prognosi riservata all'ospedale San Giovanni Bosco di Torino. Di tutti i feriti ancora ricoverati, le condizioni della donna sono quelle che preoccupano maggiormente i sanitari. La donna viene tenuta in ipotermia e la prognosi rimane strettamente riservata. In giornata sarà sottoposta ad elettroencefalogramma e a valutazione neurologica.

Scagionato giovane tifoso - Voleva tranquillizzare la folla il giovane a torso nudo, lo zainetto sulle spalle, ascoltato dagli investigatori, e poi completamente scagionato, per i fatti di piazza Castello. Il goffo tentativo ripreso dalle telecamere aveva fatto pensare potesse essere stato lui a scatenare il panico. La visione integrale del filmato da parte degli inquirenti e l'interrogatorio, hanno appurato ben altra realtà. Il giovane, sempre secondo quanto si apprende da fonti investigative, era ubriaco e si vede piangere nel video abbracciato a un paio di amici.

Procura, inchiesta per lesioni plurime - E' stato aperto per lesioni plurime "anche gravissime" un procedimento penale, in procura a Torino, su quanto avvenuto sabato sera in piazza San Carlo. L'iniziativa fa seguito a una informativa della Digos. Il fascicolo è a carico di ignoti.

Minniti, stop eventi senza massima sicurezza - "Di fronte ai feriti di Torino e a chi è ancora in ospedale, l'impegno che dobbiamo prendere tutti è che le istituzioni devono coralmente creare le condizioni perché certi fatti non succedano più. Se non ci sono i requisiti non si farà l'evento". Lo dice il ministro dell'Interno Marco Minniti, in un evento sulla terrazza del Pd. "Se l'evento non garantisce il livello massimo di sicurezza è chiaro che non può farsi. Il nostro obiettivo è permettere tutti i 1700 eventi in programma per l'estate in un contesto di tranquillità".

Appendino, la ragione del terrore resta ignota - "I fatti di piazza San Carlo di sabato sera ci hanno profondamente colpito, non solamente perché un momento di festa si è trasformato in terrore e sofferenza, ma perché la ragione, che in un primo momento era stata ricondotta a degli atti scellerati di pochi incoscienti perpetrati in un clima di incertezza globale, ora resta ancora ignota". Così la sindaca di Torino, Chiara Appendino, nel corso delle comunicazioni al Consiglio comunale.
Il Comune di Torino "sta valutando l'ipotesi di autorizzare in sede di Comitato Provinciale per la Sicurezza tutte quelle manifestazioni di piazza che per le loro caratteristiche possono costituire un luogo nel quale possa generarsi un pericolo per la sicurezza e, dunque, in quella sede valutare eventuali prescrizioni aggiuntive necessarie", spiega la sindaca.

Fassino "gestione superficiale, solo prassi"
- La gestione di piazza San Carlo per la diretta della finale di Champions "è stata affrontata con superficialità, richiamandosi solo all'ordinarietà della prassi, quando invece erano necessarie misure straordinarie". Lo ha detto Piero Fassino, ex sindaco e ora consigliere comunale del Pd, nel dibattito in Sala Rossa dopo le comunicazioni di Chiara Appendino. "E' ora - ha aggiunto - che la sindaca Appendino si assuma le responsabilità che competono al suo ruolo, che talvolta sono anche più grandi di quelle dovute".
.

 

Short URL: http://calcio.pw/4ji

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2021 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site