LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Napoli – Premi RC Auto oltre l’80% rispetto a Milano, ma solo il 3% dei sinistri è denunciato Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Sabato 04 Gennaio 2014 11:41

Che nel corso degli anni si sia fatto un mercato di truffe alle assicurazioni auto, soprattutto a Napoli è storia nota.

Ma c’è anche da notare che dal 1994, anno in cui lo Stato ha dato il via libera alla liberalizzazione delle tariffe.

Dal 1994 al 2014 l’aumento è stato, in Italia, oltre ogni modo assurdo.

Soprattutto, poi a Napoli, che paga per ogni RC Auto, oltre l’80% in più rispetto a Milano, pur registrando solo il 3% delle denunce degli assicurati.

«Qualcosa non quadra!» dice Rosario Stornaiuolo della Federconsumatori Campania.


«L’assicurazione che paghiamo a Napoli è tre volte l’Imu – continua Stornaiuolo – e ci sembra inverosimile che si facciano accanite battaglie per risparmiare sulle tasse riguardanti gli immobili e poi si è totalmente indifferenti su costi assurdi raggiunti dalle assicurazioni».

«Insomma i campani non fanno o quantomeno non denunciano sinistri - spiega Stornaiuolo - eppure pagano l'Rc auto tra le più alte del mondo» e propone: «Istituiamo un registro dei trasgressori in cui vengano segnalati tutti quei testimoni falsi e artefici di incidenti truccati, ma premiamo chi da sempre paga e viene invece danneggiato ingiustamente da rincari continui».

La mazzata più grossa, ultimamente è segnata dai due ruote.

Se fino a qualche anno fa la fascia 300cc fino a 600cc era cara, ma non assurda, rispetto al cinquantino o la 125cc, oggi le cose sono completamente cambiate.

«Tariffe che superano anche i 2.400 €uro – incalza Stornaiuolo – che talvolta superano il valore dello stesso ciclomotore; molti ragazzini entrano nell’illegalità proprio per questo, non pagando il premio assicurativo e preferendo il sequestro nel caso si verificasse il controllo da parte delle forze dell’ordine».

Il aro assicurazione, poi, passa da un problema burocratico ad emergenza sociale per chi con l’auto o la moto ci lavora (tassisti, corrieri, ecc).

Le proposte sono chiare: tariffe uguali per tutti, inasprimento delle pene per i trasgressori, ma soprattutto controlli più efficienti delle stesse società assicurative.

Alcune proposte, avallate dai comitati cittadini, sono state portate all’attenzione del parlamento, ma con scarsi risultati: «Le compagnie di assicurazioni sono assenti sui controlli – continua Sotrnaiuolo - in quanto non hanno interesse ad individuare i trasgressori; per loro è necessario far quadrare il bilancio aumentando indiscriminatamente i premi; riteniamo – conclude – che sia necessario un intervento serio anche della politica, che a mio parere, anche con quest’ultimo Decreto Milleproroghe, non sembra aver individuato il problema».

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site