LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Quirinale 2022 - Prima fumata nera Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Lunedì 24 Gennaio 2022 23:20

Prima funata nera, come abbastanza prevedibile del resto, non essendo stato trovato un accordo sul nuovo Presidente.

Se Berlusconi ha ritirato la sua candidatura, data per certo fino a domenica, resta ancora tutta da giocare la partita per il Colle più alto, senza che vi siano nomi da entrambi gli schieramenti.


Sono state 672 le schede bianche, indice di grande incertezza tra tutti gli schieramenti.

Gli scenari che ci sono all'orizzonte sono praticamente 2: o far saltare le 3 votazioni a larga maggioranza (per intenderci quelli che hanno eletto Cossiga nel 1985 e Ciampi nel 1999) e passare direttamente alla maggioranza assoluta dalla 4a votazione, oppure trovare un nome che unisca il parlamento.

Si ma quale?

Come ha avuto occasione di esprimere l'ex Ministro della Funzione Pubblica Cirino Pomicino, manca un regista che possa far convergere i voti.

Il nome più battuto dalle agenzie rimane quello dell'attuale Premier Draghi, che sarebbe una prima volta se un capo di governo venisse eletto Presidente della Repubblica.

Ma Draghi, non piace a tutto il parlamento, e c'è chi sostiene che sia meglio in cabina di comando (Palazzo Chigi) che in quella di regia (Quirinale), soprattutto in questo tempo di Covid, ma in modo particolare nella crisi che si sta creando in Ucraina, che ha dei risvolti a tutt'oggi imprevedibili e potenzialmente nefasti.

Dal mio punto di vista, anche qui, gli scenari sono molteplici, ma una lista di nomi, a questo punto mi sento di tirarla (a dire il vero l'ho nel cassetto da un po' di tempo):

- Mario Draghi: il più papabile in questo momento, e dalla cabina di regia, potrebbe essere arbitro da un lato sul Parlamento, e dall'altro essere garanzi in Europa, anche e soprattutto per i fondi del PNRR (Piani Nazionale di Rinascita e Resilienza)

- Gianni Letta: è il primo nome che mi è venuto in mente, poiché sicuramente è gradito a destra, ma è anche gradito a sinistra (Gianni è lo zio di Enrico Letta), ed in Europa è una persona molto conosciuta ed apprezzata, ed è soprattutto, particolarmente riservata

- Emma Bonino: se una donna dovesse essere Capo dello Stato, la prima che salta in mente è Emma Bonino, una vita passata in parlamento sia in Italia che in Europa, tra mille battaglie, molto apprezzata a Bruxelles quando fu Commissaria europea per la politica dei consumatori, la pesca e gli aiuti umanitari dal 1995 al 1999, come Draghi potrebbe essere garante per l'Europa dei fondi del PNRR

- Antonio Tajani: Primo nome di parte (Forza Italia, centro destra), che però potrebbe avere (almeno dall 4a votazione) una possibilità in quanto era stato prima di David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo, e quindi garante dei famosi fondi del PNRR di cui sopra

- Elisabetta Belloni: Diplomatico, direttrice generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, il dipartimento presso la Presidenza del Consiglio dei ministri che ha compiti di coordinamento e vigilanza sulle attività dei servizi segreti italiani, dopo una carriera di diplomatica a Vienna e Bratislava, era stata indicata con Lucrezia Reichlin, ad essere incaricata di formare un nuovo governo nel 2018.

- Pier Ferdinando Casini: è il primo nome tutto di stampo politico, ex Presidente della Camera dei Deputati dal 2001 al 2006


Le prossime ore saranno decisive, ma non credo che alla seconda votazione di domani (25-01-2022) ci sia una convergenza tale da far eleggere il Presidente, se non ci sono delle ricuciture all'interno degli schieramenti politici

Il nodo è quello delle Elezioni Immediate, ovvero se dovesse salire al Colle Draghi, cadrebbe istantaneamente il Governo, con sommo dispiacere di molti parlamentari che vedrebbero saltare i loro vitalizi, e con la possibilità di non essere rieletti alle prossime elezioni a causa della riduzione del numero di Parlamentari.

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site