LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Napoli - Augusto De Luca - Napoletani Illustri Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Sabato 30 Luglio 2022 10:49

Da sempre Napoli è una fucina di artisti e di arte, che hanno incantato il mondo.

Augusto De Luca, è tra questi esponenti, in quanto come fotografo è riuscito ad imporre la sua visione dei cosidetti dettagli minimi che consentono all'osservatore di potersi concentrare sul tutto dell'immagine seguendo pochi dettagli che all'occhio di catturare l'attenzione e seguire il tutto.


Il lavoro che ci ha amichevolmente fornito, è una reppresentazione plastica di questo uso di questa tecnica, che, anche all'uso del metodo sottrattivo del bianco e nero, concede all'osservatore di concentrare l'attenzione sul soggetto.

Sfogliare la carrellata di queste immagini è come girare per la Napoli intellettuale fatta di scrittori, come ad esempio Maurizio De Giovanni ed il compianto Luciano De Crescenzo, artisti come Roxy in the Box ed icone immortali come Pupella Maggio, Peppe Barra, James Senese, Erri De Luca.

La Napoli che da lustro al mondo raccontata da un grande napoletano che della scrittura con la luce la trasforma in pura arte visiva.

 

Abbiamo posto alcune domande al fotografo:

- Come spesso accade si fanno degli studi ma di professione si sceglie altro.

Lei ha fatto studi giuridici, ma poi il fuoco dell'arte visiva ha preso il sopravvento, qual'è stata la molla che ha fatto scattare questa passione divenuta poi ragione di vita?

ADL - Ho iniziato a fotografare per caso, quando un mio caro amico mi invitò nelle sua camera oscura per assistere alla stampa di alcune sue foto. Io che non avevo nessuna esperienza in merito, rimasi folgorato nel vedere apparire miracolosamente un’immagine sulla carta immersa nell’acido di sviluppo. Fu allora che decisi di ripetere quell’esperienza: comprai una macchina fotografica, un ingranditore e tutto il restante materiale necessario per la stampa e cominciò la mia avventura nel mondo della fotografia. Lo definirei quindi un vero e proprio colpo di fulmine…avevo trovato un altro straordinario modo per esprimermi manifestando la mia creatività.

- Molte delle sue fotografie sono in bianco e nero, un po' come Salgado, in sfumature di grigio riesce magistralmente a raccontare l'anima delle persone. Il Bianco e Nero sono una scelta stilistica, oppure il colore è un metodo che fa deconcentrare l'osservatore, perso troppo nell'inseguire dettagli "inutili" tralasciando l'essenza stessa dell'immagine e dell'anima del soggetto.

ADL - A differenza di molti fotografi, ho iniziato con il colore per poi passare al bianco e nero, ribaltandone le possibilità espressive; infatti ho utilizzato il colore per evidenziare e sottolineare non il realismo della scena, ma, con tagli inediti, strutture astratte e metafisiche e, con il bianco e nero ho rappresentato, invece, la realtà, fotografando diverse città e ritraendo molti personaggi famosi. In poche parole ho esaltato ed eliminato alcune caratteristiche di ciascuna modalità espressiva. Con il colore ho esaltato, dato valenza espressiva ed importanza alla sua peculiarità primaria: il cromatismo. Con il bianco e nero, al contrario, ho esaltato le forme e le linee dei soggetti, dandone una lettura più essenziale ed irreale, per un’interpretazione più trascendentale che facesse sognare ed immaginare il fruitore.

- Dalla sua biografia ha lavorato molto a Roma ed ha anche sperimenta la commistione tra musica ed immagini, nella sua collaborazione con il grande Ennio Morricone. Napoli è la sua città, come napoletano quanto è difficile raccontare Napoli senza scadere nella classica cartolina del Lungomare o dei Quartieri o dei Decumani di questi anni di rinascita turistica?

ADL - Con Ennio Morricone ho lavorato quando realizzai per la TAV (Treno Alta Velocità) un libro fotografico su Roma: ROMA NOSTRA (Gangemi Editore). Per l’occasione il grande compositore scrisse una poesia pubblicata nello stesso libro ed insieme ricevemmo per quel lavoro il premio “Città di Roma” 1996. Ricorderò sempre quello che lui mi disse senza sapere che io suonavo la chitarra: “Sai, ho capito subito che sei un musicista. Le tue fotografie hanno un ritmo compositivo musicale che appartiene a chi é sensibile all’armonia dei suoni”. Per quanto riguarda Napoli, nel 1986 io decisi di fotografarla eliminando tutto quello che si era visto fino ad allora; mi riferisco agli scugnizzi, ai vicoli bui, ai vari pini, ecc. ecc. che alimentavano i diversi luoghi comuni sulla città. Realizzai così il libro NAPOLI MIA (Editphoto il Diaframma Editore). La mia idea era fotografare una Napoli immutabile nella sua imparagonabile bellezza. L’ho ritratta  completamente deserta, imprigionata da lunghe icone orizzontali color seppia, come il palcoscenico di un teatro dove si recita ogni giorno la vita di cui si intravede solo il riverbero e dove regna sovrano il silenzio. Con un chiaro riferimento alla metafisica, matrice che solitamente accompagna tutti i miei lavori, l’intento é stato quello di proporre una città senza tempo, classica e moderna, antica e futura, oltre le mode. Come direbbe Sarte: “Certe volte basta un selciato sconnesso, respirare un odore ed ecco che la città é lì attorno a te”.

- Un'ultima domanda. La sua performance Madre Snaturata del 2009 ha posto l'attenzione sulla collettiva del Museo Madre che aveva escluso molti artisti del Sud Italia, quasi a riproporre l'antica questione meridionale post-unitaria. Va anche detto che nel corso degli ultimi anni, in particolare l'ultimo decennio, la Nostra Città è diventata quasi una New York italiana per set cinematografici, scrittori, attori, registi. Ma è diventata anche palcoscenico privilegiato di tanti eventi, penso solo all'ultimo Giro d'Italia, in cui la singola tappa a detta della stessa organizzazione, è stata la più seguita ed apprezzata. La bellezza salverà Napoli (parafrasando Dostoevskij) o tutta questa luce ci abbaglia troppo e cadiamo sempre nella trappola delle tenebre per rinascere come l'Araba Fenice?

ADL - La bellezza di questa città è cosa inconfutabile ed ineguagliabile. Napoli è assolutamente piena di tutto ma eternamente dorme e si risveglia, muore e resuscita, si spegne e si riaccende; tutto questo fa parte del suo dna ed é forse una delle sue caratteristiche più stimolanti e creative, con i vantaggi e gli svantaggi del caso. Sicuramente noi napoletani, con tutti i nostri difetti, contribuiamo certamente a tutto questo, ma io vedo sempre il bicchiere mezzo pieno e capisco che la nostra creatività é sicuramente l’elemento chiave e di riscatto… é lì il futuro della nostra città. Come ho sempre detto: “È lo scontro del FUOCO del Vesuvio con L'ACQUA del Golfo che governa le funzioni vitali di tutto l'universo partenopeo. Così nascono stimoli creativi e grandi passioni”.

 

La scheda

Augusto De Luca, (Napoli, 1 luglio 1955) è un famoso fotografo e performer italiano. Ha ritratto molti personaggi celebri: Renato Carosone Rick Wakeman, Carla Fracci, Hermann Nitsch, Pupella Maggio, Giorgio Napolitano. E' conosciuto anche come Il Cacciatore di Graffiti

Studi classici, laureato in giurisprudenza. E' diventato fotografo professionista nella metà degli anni '70. Si è dedicato alla fotografia tradizionale e alla sperimentazione utilizzando diversi materiali fotografici . Il suo stile è caratterizzato da un'attenzione particolare per le inquadrature e per le minime unità espressive dell'oggetto inquadrato. Immagini di netto realismo sono affiancate da altre nelle quali forme e segni correlandosi ricordano la lezione della metafisica.

E' conosciuto a livello internazionale, ha esposto in molte gallerie italiane ed estere, in sedi istituzionali come la Camera dei deputati a Roma e in diversi Istituti di Cultura Italiana e sedi universitarie all'estero.

Le sue fotografie compaiono in collezioni pubbliche e private come quelle della International Polaroid Collection (USA), della Biblioteca Nazionale di Parigi, dell'Archivio Fotografico Comunale di Roma, della Galleria Nazionale delle Arti Estetiche della Cina (Pechino), del Museo de la Photographie di Charleroi (Belgio).

De Luca ha realizzato anche immagini pubblicitarie, copertine di dischi e libri fotografici. Nel 1987 ha realizzato la scenografia per il programma televisivo 'Samarcanda' del giornalista Michele Santoro. Ha insegnato fotografia per dieci anni presso il Circolo Montecitorio della Camera dei deputati. L'azienda di telecomunicazioni Telecom Italia gli ha dato l'incarico di illustrare con fotografie della città di Napoli tre schede telefoniche pubbliche, con una tiratura di sette milioni di esemplari, e quattro schede con fotografie di Parigi, Dublino, Berlino e Bruxelles, con una tiratura di dodici milioni di esemplari .

Negli anni '80 ha partecipato a 2 rassegne d'arte organizzate dal famoso gallerista Lucio Amelio : "Rassegna della nuova creatività nel mezzogiorno" e "L'occhio meccanico".

De Luca, ha inoltre realizzato servizi fotografici per volti celebri del mondo della cultura e dello spettacolo.

I suoi libri fotografici, sono stati recensiti in saggi sulla fotografia, sulle principali riviste di settore e su reti televisive come Rai3 e Rai2, con prefazioni e contributi testuali come quelli del poeta Mario Luzi, della regista Lina Wertmuller, del compositore Ennio Morricone, dello storico Giovanni Pugliese Carratelli, dei giornalisti Maurizio Costanzo e Sandro Curzi, dell'architetto Paolo Portoghesi, .

Nel 1995 ha esposto le sue opere presso la Camera dei Deputati, con la presentazione di Carlo Azeglio Ciampi e dell'on. Nilde Iotti, alla presenza di Giorgio Napolitano.

Ha ricevuto il "Premio Città di Roma" 1996 per il libro 'Roma Nostra' (Gangemi Editore), insieme al compositore Ennio Morricone (De luca per le fotografie e Morricone per la poesia "Roma Amore" contenuta nello stesso libro).

Dal 2005 Augusto De Luca, per valorizzare e salvaguardare i migliori esempi di street art sta procedendo ad un'opera di scollatura dai muri di Napoli dei migliori graffiti su carta degli street artisti partenopei, raccogliendo stickers e tags di varie forme e dimensioni. Questa iniziativa lo ha portato a collezionare più di 200 pezzi . E' un' operazione condotta in ogni angolo della città e che gli è valso l'appellativo di "Il Cacciatore di Graffiti". Scopo dell'iniziativa è quello di dare risalto a tali forme d'arte cominciando col salvarle dall'usura e dalle intemperie della strada. De Luca, con l'uso di un fissante per vernici, realizza un recupero integrale delle opere (graffiti su carta)  . Questa attività di supporto alla street art ha inoltre costituito oggetto di una campagna divulgativa su Internet che ha attirato su De Luca l'attenzione di writers di tutto il mondo. De luca attraverso internet porta la street art anche nella casa della gente che la ignora o la disprezza .

E' un progetto di De Luca, in collaborazione con l'artista Iabo, la Performance - Madre Snaturata contro il Museo Madre di Napoli - anno 2009.

Nel 2011,come performer, Augusto De Luca per denunciare una situazione di degrado della sua città,ha organizzato la Performance - Partita a golf nelle buche stradali di Napoli con partenza da Piazza del Plebiscito (Corriere del Mezzogiorno). All' evento c'è stata una notevole partecipazione spontanea dei napoletani, che si sono cimentati in un vero e proprio torneo golfistico.

 

Photogallery - Napoletani illustri

Photo by Augusto De Luca


 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site