LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Parigi - Identificati altri 2 terroristi francesi 129 morti e 352 feriti, 99 gravi. Ritrovate le auto della fuga Stampa
Scritto da Redazione   
Domenica 15 Novembre 2015 18:09

Attualmente è in corso la messa in suffragio per le vittime dell'attentato di Venerdì 13

Una messa di suffragio per le vittime degli attentati di Parigi si terrà domani alle 20,30 nella chiesa di S.Luigi dei Francesi nel centro di Roma. Un cartello con la bandiera francese all'ingresso della storica chiesa annuncia l'evento e informa che alla messa seguirà una veglia di preghiera.

E' stata ritrovata a Montreuil, in periferia di Parigi, la seconda auto, una Seat 'Leon' nera, abbandonata da uno dei commando di terroristi che venerdì sera hanno seminato terrore e sangue a Parigi, causando almeno 129 morti e 352 feriti, di cui 99 gravi. All'interno, secondo quanto dice Rtl, sono stati trovati tre kalashnikov.



L'auto sarebbe stata utilizzata dai terroristi che hanno attaccato i ristoranti, provocando 39 morti. Il veicolo era stato notato intorno alle 21.25 di venerdì all'angolo davanti al caffè Le Carillon e al ristorante Le Petit Cambodge, successivamente davanti al caffè Bonne Bière e ancora nei pressi del ristorante La Belle Equipe, le tre zone teatro delle sparatorie.

Gli inquirenti ipotizzano possa essere stata utilizzata non solo per trasportare il gruppo di fuoco ma anche a trasportare il kamikaze che si è fatto esplodere in un bistrot di boulevard Voltaire.

Una prima auto utilizzata dai terroristi, una Polo nera, era stata individuata parcheggiata davanti al Bataclan. Risulta essere stata noleggiata da un francese residente in Belgio, arrestato ieri mattina alla guida di una terza auto alla frontiera franco-belga. Fermati con lui altri due cittadini belgi.

Italiana morta. «Mi pare di capire che Valeria sia morta già venerdì». A parlare all'Adnkronos è il padre di Valeria Solesin, la studentessa veneziana dispersa da venerdì sera dopo l'attentato al Bataclan di Parigi. «Non abbiamo avuto nessuna notizia dalla Farnesina - spiega il papà di Valeria - ma lo abbiamo appreso attraverso il fidanzato e gli amici che hanno seguito la vicenda lì a Parigi e avrebbero avuto notizie della sua morte».

La studentessa. Valeria Solesin , 28 anni, dottoranda in demografia all'Universita Paris1 della Sorbona, venerdì sera era al concerto al Bataclan insieme al fidanzato e a una coppia di amici. Durante l'attacco dei terroristi erano tra gli ostaggi. Poi, durante il blitz della polizia, si sono persi. Quando tutto è finito, il fidanzato e la coppia di amici si sono ritrovati, ma di Valeria non hanno saputo più nulla.

Il sindaco. «A nome mio personale e di tutta la Città di Venezia esprimo il cordoglio più profondo per la morte di Valeria Solesin». Lo scrive su twitter il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che associa al tweet l'hashtag «#ValeriaSolesin. #preghiamoassieme».

I commando
Sono stati identificati tre terroristi del commando dei sette.

Il primo, trentenne francese, è stato identificato grazie alle impronte digitali: si tratta di Ismail Mostefai. Ieri sera erano stati fermati e interrogati il padre e il fratello - che si è presentato spontaneamente in commissariato -. Gli inquirenti sottolineano che si tratta di una normale procedura di accertamento.

La Procura belga, citata dalla tv nazionale, ha poi fatto sapere che sono stati identificati altri due terroristi. Si tratta di due francesi, entrambi residenti a Bruxelles (uno a Molenbeek). L'identità non «verrà rivelata nell'interesse dell'inchiesta».

Mostefai, pregiudicato, noto come molto vicino agli islamici radicali. Altri due passaporti sono stati trovati accanto ai kamikaze dello stadio, uno egiziano, l'altro siriano, rivelatosi però falso. Quest'ultimo sarebbe entrato in Europa dall'isola greca di Lero e registrato come rifugiato. Una notizia destinata ad alimentare ancor più le polemiche sulla gestione dei migranti.

Il procuratore François Molins, lo stesso di gennaio e degli ultimi anni insanguinati dal terrorismo in Francia, ha spiegato che in azione a Parigi e Saint-Denis (dove sorge lo Stade de France e dove si stava giocando l'amichevole Francia-Germania) c'erano «tre squadre», tre commando.

Sette terroristi sono morti durante gli attacchi di Parigi, sei sono riusciti ad azionare la loro cintura esplosiva e a farsi saltare come sognano i «martiri» della jihad, gridando «Allah è grande», uno - all'interno del teatro della carneficina, il 'Bataclan' - non ha fatto a tempo ed è stato eliminato dalle teste di cuoio.

Le vittime
I corpi identificati sono per ora 103. A due giorni dalle stragi di Parigi il premier francese ha detto che restano ancora da identificare tra i venti e i 30 corpi delle vittime barbaramente uccisi durante gli assalti coordinati nel centro della capitale e allo Stade de France durante il match tra Francia e Germania.


Tutte le fasi dell'attacco
La Seat nera 'Leon' ritrovata questa mattina, ne ha portati alcuni davanti a quattro ristoranti. Davanti a ognuno dei locali, dove in pieno venerdì sera (erano circa le 21.30) c'erano moltissime persone a mangiare o semplicemente a bere un bicchiere, sono scesi e hanno fatto fuoco. «Tutti erano equipaggiati con fucili kalashnikov», ha precisato Molins. A dare il via all'impressionante sequenza di azioni omicide è stato alle 21.20 un kamikaze che si è fatto esplodere nella strada che corre lungo lo Stade de France, dove a inizio estate si dovrebbero giocare diverse partite degli Europei 2016, fra cui la finale.

Un commando di 4 terroristi sbarca dalla Polo nera davanti al Bataclan dove si esibisce il gruppo californiano Eagles of Death Metal, che suona da mezz'ora, minaccia i vigili, fa irruzione nel locale e spara all'impazzata sulla folla. Che all'inizio pensa a effetti speciali. Dura tre ore la presa di ostaggi, con scene di terrore e disperazione e - alla fine - 89 morti.

Allo Stade de France, il kamikaze si è fatto saltare all'altezza della porta B. Un'esplosione impressionante, rafforzata da perossido di idrogeno con chiodi e bulloni - tutti i kamikaze avevano lo stesso tipo di esplosivo - che ha ucciso all'istante il killer suicida e un malcapitato passante. Ma il piano era, se possibile, peggiore. L'attentatore - scrive il Wall Street Journal - aveva infatti un biglietto d'ingresso, ma è stato fermato ai cancelli dello stadio dopo che gli addetti ai controlli hanno scoperto che indossava dell'esplosivo. Allora si è fatto esplodere mentre tentava la fuga. All'interno dello stadio, tutti hanno capito che non si trattava dei soliti petardi dei tifosi. Ma la partita - a parte il presidente Francois Hollande immediatamente prelevato in tribuna d'onore e riportato all'Eliseo - andava avanti.

Pochi minuti dopo esordivano i commando 'pariginì: la Seat nera della morte si ferma davanti a due ristoranti del XII arrondissement, i killer scendono e sparano all'impazzata contro i ristoranti Carillon e Petit Cambodge, uccidendo 15 persone e ferendone gravemente altre 10. Un minuto dopo, seconda esplosione allo stadio, porta H, muore il kamikaze. Poi, 5 morti alla Bonne Biere, seconda tappa della Seat nera. Pochi minuti e altri 19 innocenti muoiono alla Bonne Biere, terza tappa del tour del terrore. Poi in un locale di boulevard Voltaire, lo stesso del Bataclan, un terrorista si siede al tavolo, ordina da bere e si fa saltare. Si salva, miracolosamente, la cameriera che aveva raccolto l'ordinazione.


La solidarietà
Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha telefonato ieri al suo omologo francese, Francois Hollande, ribadendo che i due Paesi «continueranno a lavorare insieme e con altri Paesi nel mondo per sconfiggere il flagello del terrorismo». Parole di sdegno sono arrivate dal Vaticano che, per voce del direttore della sala stampa, padre Federico Lombardi, ha definito la carneficina di ieri «un attacco alla pace di tutta l'umanità che richiede una reazione decisa e solidale da parte di tutti noi per contrastare il dilagare dell'odio omicida in tutte le sue forme».

Gesti e parole di solidarietà nei confronti di Parigi sono giunte da ogni parte del mondo, dove molti monumenti o impianti sportivi sono stati illuminati dal rosso, bianco e blu della bandiera francese. Spenta per lutto la Tour Eiffel.

Il gruppo di terroristi che ha seminato terrore e morte a Parigi è probabilmente appartenente all'Isis, l'organizzazione criminale che ha già rivendicato l'attentato definendolo l'«11 settembre francese».


Sui social network è corsa alla solidarietà, con innumerevoli messaggi di persone alla ricerca di familiari o amici scomparsi o di cui non si hanno notizie da ieri sera. I terroristi morti, al momento, sono otto. Alcuni di loro si sono fatti saltare in aria con le cinture esplosive che avevano legate in vita. Non è escluso, però, che qualche membro dell'organizzazione sia ancora in fuga, come sottolineato dallo stesso procuratore della Repubblica di Parigi, Francois Molins. «Ci sparavano come fossimo uccelli», racconta un testimone spettatore della carneficina al Bataclan.

Decretato a un lutto nazionale di tre giorni. Anche Disneyland Parisrimarrà chiusa fino a martedì. Aumenterà i controlli alla frontiera. Air France ha deciso di mantenere i suoi voli da e per Parigi, seppur con qualche ritardo. Chiuso invece il traforo del Monte Bianco. Gli Stati Uniti restano «vigili», anche se - rassicura l'amministrazione Obama - «non c'è alcuna specifica o credibile minaccia di un attacco sul suolo americano sul tipo di quello accaduto a Parigi».

 

Short URL: http://2cg.it/2ds

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site