LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Brexit - Theresa May ha giurato dalla Regina Elisabetta II Stampa
Scritto da Redazione   
Giovedì 14 Luglio 2016 08:40

Theresa May è ufficialmente la nuova premier del Regno Unito. Arrivata a Buckingham Palace poco dopo le 18, accompagnata dal marito Philip John May, l'ex ministra dell'Interno ha ricevuto e accettato formalmente l'invito a formare un nuovo governo da parte di Elisabetta II.



Pochi minuti prima l'aveva preceduta nella sede della Corona il premier uscente David Cameron, per rassegnare le dimissioni e rimettere l'incarico nelle mani della Regina. Theresa May è andata al numero 10 di Downing Street per il suo primo discorso da prima ministra.

Mentre il marito la seguiva a distanza, qualche passo indietro, Theresa ha esaltato la ricchezza dello stare insieme che è alla base del Regno Unito e si è impegnata a lavorare per una migliore giustizia sociale. Per concludere con l'accettazione della grande sfida: il cambiamento nazionale rappresentato dalla Brexit.

«Lasciatemelo dire, succedo a un grande premier - le prime parole di Theresa May -, che ha guidato un governo vincente e la cui vera eredità è nell'ambito della giustizia sociale. Seguirò il sentiero tracciato da quel governo. Il mio governo sarà guidato dai bisogni del normale cittadino britannico, non da quelli dei privilegiati. Ad esempio, quando affronteremo il tema delle tasse. Farò di tutto perché i cittadini del Regno Unito abbiano più controllo sulle loro vite. Il mio governo combatterà contro la grande ingiustizia secondo la quale chi è povero è destinato a morire prima».

«Lasciatemi ricordare una cosa fondamentale - ha proseguito Theresa May -. Inghilterra, Scozia, Irlanda del Nord, Galles. Il Regno Unito non è solo un'unione di nazioni, ma è un'unione di cittadini. Guiderò il governo di una nazione, per rendere la Gran Bretagna un Paese al servizio di tutti.

Questa sarà la missione del mio governo. Andiamo incontro a un grande cambiamento a livello nazionale. Noi accettiamo la sfida. La Gran Bretagna avrà un nuovo ruolo, audace e positivo, fuori dall'Ue» ha quindi concluso Theresa May, alludendo evidentemente al processo della Brexit.

Poco più di un'ora dopo, intorno alle 20 ora italiana, il video del discorso finisce nel primo tweet rilasciato da Theresa May in qualità di premier del Regno seguire, il messaggio di ringraziamento a Cameron e di congratulazioni a May da Vladimir Putin. Mentre Matteo Renzi, ricordando «l'eccellente livello raggiunto dalle nostre relazioni bilaterali che spero possano ulteriormente intensificarsi ed ampliarsi nel corso del suo mandato» ha auspicato nel suo messaggio a Theresa May che «sul piano europeo si possa continuare l'ottima collaborazione instaurata con il suo predecessore e che con la sua leadership si possano avviare presto i negoziati con l'Unione Europea a seguito del vostro referendum del 23 giugno».

«Ora lasciamo che la parte britannica prenda le sue decisioni» ha dichiarato il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert, precisando che la cancelliera tedesca si è già espressa sulle sue aspettative dalla Gran Bretagna e ha auspicato di collaborare al più presto con la nuova premier britannica. Prima di lasciare la scena alla nuova premier e leader dei conservatori, David Cameron si è presentato con moglie e figli davanti ai microfoni e alle telecamere radunate all'esterno del numero 10 di Downing Street, sede del premierato britannico, per un ultimo messaggio di commiato.

«Il numero 10 di Downing Street è stato la nostra casa. Lascio un Paese molto più forte, un deficit calo, un'economia in crescita. Ora andrò a Buckingham Palace per dare le dimissioni alla Regina. Faccio i miei migliori auguri a Theresa May, che possa negoziare le migliori condizioni per l'uscita dell Gb dalla Ue». Infine, l'ex sindaco di Londra, Boris Johnson, leader della campagna per la Brexit tra i conservatori, è stato nominato nuovo ministro degli Esteri. Philip Hammond va invece al Tesoro.


Short URL: http://2cg.it/3j4

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site