LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Macedonia - Migranti alla frontiera, oltre 2000 forzano il posto di blocco Stampa
Scritto da Redazione   
Domenica 23 Agosto 2015 11:24

Continuano ad arrivare in centinaia i profughi che dalla Grecia cercano di passare in Macedonia, ma ora, contrariamente a quanto è accaduto nei giorni scorsi, la frontiera è praticamente aperta.

La polizia lascia passare i profughi in 200 - 300 senza problemi. la priorità è data a donne con bambini e agli anziani.

 

Per i migranti che hanno passato la frontiera ieri durante la notte è stato organizzato il trasporto con autobus e minibus che li portano verso la Serbia, informano le agenzie locali. Jasmin Rexhepi della ONG macedone che dalle 19 a mezzanotte più di 50 pullman di profughi sono andati da Gevgelija verso il confine con la Serbia.

Alla stazione ferroviaria di Gevgelija si trovano ancora circa 3.000 rifugiati in attesa. Fino a questa mattina in un centro di accoglienza a Presevo in Serbia sono arrivati 2mila rifugiati e continuano ad arrivare molti autobus che li trasportano dalla Macedonia, informano media serbi.

Ieri la polizia ha usato granate assordanti per cercare di bloccare il flusso di persone ma la maggior parte di loro si sono diretti verso la stazione ferrovia di Gevgelia.


Video - Shock Bomb

Link per smartphone: https://youtu.be/TGofp6ZJVy8


Nelle ultime 24 ore in Macedonia sono entrati "826 profughi, di cui 163 minori; tra questi figurano 25 ragazzi senza genitori". Lo dice Ivo Kotevscki, portavoce della polizia macedone. "Com'è possibile - dichiara - che questi ragazzi siano arrivati da soli fino a qui, perché le autorità greche non li hanno fermati?".

Kotevscki ha quindi confermato che le autorità al confine, quando lo ritengono opportuno, fanno passare piccoli gruppi di 200 persone. Ed è questo il momento più delicato perché la folla cerca di fare irruzione

"È a rischio uno dei pilastri fondamentali dell'Unione europea: la libertà di circolazione delle persone. Dalle coste siciliane a Kos, dalla Macedonia all'Ungheria e a Calais, vediamo accendersi tensioni che alla lunga potrebbero rimettere in discussione Schengen".


Per il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, intervistato dal Messaggero, "i migranti non arrivano in Grecia, Italia o Ungheria, ma in Europa", e per questo "anche le regole dell'accoglienza devono essere europeizzate".

"Sull'immigrazione l'Europa rischia di dare il peggio di sé tra egoismi, decisioni in ordine sparso e polemiche fra Stati membri", dice Gentiloni, secondo cui vanno rivisti i Trattati di Dublino.

"Le operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo si sono europeizzate e hanno ridotto il rischio di tragedie in mare, ma per quanto tempo si può accettare l'idea che le navi dei diversi Paesi europei salvino migranti per portarli nei porti italiani?".

Sul dibattito politico italiano, "la Lega fa propaganda. Chi promette soluzioni magiche per fini di consenso, seminando paure e diffondendo illusioni, talvolta ridicole, non aiuta l'Italia ma la danneggia", commenta Gentiloni.

"E non sono neanche sicuro, lo vedremo alle prossime elezioni, che aiuti se stesso".

Parlando della Libia, "pace e stabilità non si possono imporre con le armi di un esercito occupante straniero. Questo scenario non esiste", sottolinea il ministro.

"Noi lavoriamo per l'accordo tra i libici.

Il semplice contenimento anti-Daesh sarebbe un rimedio all'insuccesso del negoziato. Quella che si avvia questa settimana deve essere la fase conclusiva".

"Quando ci sarà l'accordo tra le forze libiche - aggiunge - questo avrà bisogno di essere accompagnato, monitorato e protetto da una coalizione in cui l'Italia può avere un ruolo fondamentale di riferimento".

Sulla possibilità di inviare i caschi blu per difendere luoghi come Palmira, "è ovvio che non si può andare a Palmira oggi, ma la comunità internazionale - osserva Gentiloni - può provare forme di protezione in aree non di guerra ma a rischio, e promuovere interventi di ripristino nelle aree che via via vengono liberate".

La Commissione Ue, intanto, colta alla sprovvista dalla reazione di Skopje, ha messo le mani avanti dicendo di dovere ancora esattamente stabilire i fatti, ricordando di avere già assegnato 90mila euro di aiuti alla Macedonia e di avere in partenza a settembre un programma per la gestione dei migranti in collaborazione con la Turchia e gli altri paesi dei Balcani occidentali.

Bruxelles, che ha sottolineato di stare "seguendo da vicino gli sviluppi" della situazione, si è però detta anche "pronta ad aiutare con ulteriore assistenza". La situazione sul terreno, però, è urgente.

Medici Senza Frontiere ha denunciato di avere curato a Idomeni, il paesino dal lato greco della frontiera, una decina di migranti dopo l'attacco coi lacrimogeni e le granate assordanti, sparate dalle forze armate macedoni in mezzo alla folla dei profughi.

"Sei di loro presentavano ferite minori e sono state trattate sul posto mentre quattro hanno richiesto il trasferimento in ospedale", viene precisato dall'ong, mentre "uno di loro era stato anche picchiato da membri dell'esercito macedone".

Msf sta anche distribuendo beni di prima necessità: molti svengono per il caldo, la sete, la fame e la stanchezza.

 

Short URL:  http://2cg.it/227

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site