LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Migranti - Aylan Kurdi morto sulla spiaggia, interroga l'Europa - La storia di Aylan Stampa
Scritto da Giovanni Di Cecca   
Giovedì 03 Settembre 2015 11:29

Migranti - presi d'assalto i treni - In Repubblica Ceca i migranti marchiato col pennarello, l'ira della comunità ebraica

Quanto ci fa inorridire questa immagine, che per potenza espressiva è seconda solo a quella del Tank Man di Piazza Tienanmen del 1989?

 

L'immagine del corpicino del piccolo Aylan, il bimbo siriano di 3 anni annegato davanti alla spiaggia di Bodrum in Turchia, ha fatto il giro del web (e del mondo) provocando polemiche e indignazione nei confronti dell'Europa sulla questione dei profughi.

Questa immagine, come detto è stata scattata in Turchia, ma è la stessa, che i nostri concittadini di Lampedusa hanno visto e vedono da anni: il corpo di questo bambino, che la morte per annegamento ha reso simile ad una bambola, ed il rigor mortis ha fatto scricchiolare nelle articolazioni, nel momento successivo della presa in braccio da parte del soldato turco.

Ma chi è la vittima? Qual è la sua storia? Aylan Kurdi aveva 3 anni e fin dalla sua nascita la sua vita è stata contraddistinta da fughe in cerca di libertà e di fortuna.

Scappava dalla guerra assieme alla sua famiglia e cercava di raggiungere l'Europa. Ma la sua strada si è interrotta. È morto insieme al fratello Galip, 5 anni.

Dopo le foto drammatiche uscite ieri, oggi su twitter è apparsa un'immagine sorridente dei due insieme al loro orsacchiotto bianco. Ridono entrambi a dimostrazione di come l'amore vada oltre le difficoltà della vita.

Tantissimi sono stati i messaggi d'amore raccolti da tutto il mondo. La mamma dei due bimbi è ad Atene e sta bene, così come il loro terzo fratellino. Ma non ci sono ancora conferme. Una voce racconta di come invece l'intera famiglia sia morta annegata.

E poco fa si è saputo che l'unico sopravvissuto della famiglia è il padre di Alyn che vuole riportare i resti della moglie e dei figli a Kobane per seppellirli nella loro terra.

Tra le loro intenzioni c'era anche il trasferimento in Canada. La zia di Aylan, Teema Kurdi, che ora vive nel paese Nordamericano, era stata contattata dal padre del bambino e avrebbe tentato invano di far ottenere il visto alla famiglia per trasferirsi in Canada. Ma la richiesta sarebbe stata rifiutata in giugno.


 

Alyn Kurdi, 3 anni annegato mentre migrava dalla Siria

 


 

 

 

Ecco come era Aylan da vivo


Short URL: http://2cg.it/23s

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site