LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Rom - Salvini: "vado avanti" - Di Maio frena Stampa
Scritto da Redazione   
Mercoledì 20 Giugno 2018 10:54

Luigi Di Maio assicura dagli studi tv di Porta a Porta di essere in piena sintonia con la Lega sull'immigrazione e di non avere quello che definisce ironicamente «il complesso di Salvini». Ma al di là delle dichiarazioni distensive che arrivano in serata dal capo politico, nella war room pentastellata ieri è scattata l'ora della controffensiva. «Non ci faremo asfaltare dal Carroccio, è arrivato il momento di partire in contropiede».


Venti di giorni di governo a marchio leghista sono stati fin troppi, è l'analisi che circola ai piani alti del Movimento. E di troppo è stata anche la giornata di ieri, l'ennesima, in cui Matteo Salvini ha messo in moto la ruspa contro i rom, per poi spegnerla di colpo.

E farla ripartire di nuovo in uno stop and go estenuante che ha fatto saltare i nervi ai Cinque Stelle. Che ieri hanno colto nelle dure parole consegnate da Bruxelles contro il censimento dei rom, l'assist perfetto per lanciare il contrattacco

«Mi fa piacere che Salvini abbia coretto il tiro: censimenti su base razziale non si possono fare. Controlli per la sicurezza dei campi rom e dei bambini sono cosa diversa. Ma se si parla di censimenti su base razionale, no», ha precisato il vicepremier e leader M5s Luigi Di Maio a Porta a Porta riguardo le esternazioni del mionistro dell'Interno Salvini sulla questione nomadi.


LA RISPOSTA
«Non è legale espellere un cittadino europeo su base etnica. Questo è arcichiaro», è stato il caveat del vice portavoce capo della Commissione Europea, Alexander Winterstein. Ma a stretto giro è arrivata di rinforzo anche la netta condanna del commissario Ue, Pierre Moscovici. Che prima definisce «difficile resistere alla tentazione di commentare «dichiarazioni scioccanti o raggelanti che vengono da altri Paesi», e poi però si butta a capofitto nella polemica replicando a Salvini che in Europa «ci sono regole in materia economica e finanziaria ma anche per quanto riguarda lo stato di diritto».

I paletti piantanti dall'Unione europea arrivano proprio quando il Movimento decide di scuotersi da quella che anche ai vertici appare ormai in questi primi venti giorni come un'eccessiva accondiscendenza verso la Lega. «Finora abbiamo lasciato sin troppo spazio al ministro dell'Interno è la diagnosi che arriva dallo staff a Cinque Stelle ma da adesso in poi la musica cambia. Non ci faremo schiacciare». Il cambio di passo, pur senza strattoni, si avverte nitido. E parte dalla nota piuttosto veemente che affida alle agenzie il premier Giuseppe Conte. «Non ci sarà nessuna schedatura dei Rom che sarebbe tra le altre cose incostituzionale, l'obiettivo è la lotta all'illegalità», mette a verbale il presidente del Consiglio, piuttosto seccato dall'ingombrante agenda parallela a base di respingimenti e rom, che Salvini ha dispiegato in occasione dei suoi ultimi due vertici a Parigi e a Berlino. Così che, stretto tra l'incudine del partner di governo, e quella dei vertici di Bruxelles, il ministro degli Interni ha innestato il freno a mano.

LE FRASI
«Con Conte piena intesa sui rom, l'intesa di governo è granitica», è il ramoscello d'ulivo che Salvini consegna al partner di governo riottoso. Ma a dare la netta sensazione che il Movimento non è più disposto a tollerare invasioni di campo, sono le affilate parole che Luigi Di Maio consegna agli studi di Porta a Porta in serata. L'idea è quella di rispondere colpo su colpo a Salvini. Di impiegarne lo stesso lessico, ma in una chiave costruttiva. Le numerose frecciate rivolte all'indirizzo del leader leghista dalle truppe di Roberto Fico, ieri sembrano aver fatto timidamente breccia nel muro eretto dal ministro degli Interni. «Lo so anch'io che il censimento dei rom non è nel contratto», ha ammesso il leader leghista, in risposta ai mugugni che qualcuno ha voluto indirizzargli ieri di persona a palazzo Madama. Non è mancato infatti chi tra i parlamentari del Movimento ha sventolato sotto il naso dell'inquilino del Viminale, la brutta storia dei due immigrati aggrediti e feriti al grido di Salvini Salvini a Caserta, corredate da un perentorio invito a moderare i toni «prima che una preoccupante escalation e un processo di disumanizzazione si impossessi del Paese». Dopo aver fatto parziale ammenda con dichiarazioni distensive, il leader leghista ha però fatto spallucce. «Dubito delle notizie che arrivano da un centro sociale», ha commentato tagliente. Destando ancora una volta l'irritazione dei parlamentari a Cinque Stelle. «Salvini sta giocando al gatto con il topo commenta amareggiato uno di loro alla fine di una giornata tesissima. «La mia idea è che Salvini vuol passare i prossimi tre mesi a fare campagna elettorale, per poi lasciarci con il cerino in mano alla fine degli sbarchi».

 

Short URL: http://2cg.it/5fx

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site