LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Hotel Rigopiano - Salvati 4 Bambini - La famglia Parete si riunisce Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 20 Gennaio 2017 23:13

Quattro bambini intrappolati sotto le macerie dell'albergo Rigopiano, distrutto dalla valanga, quattro tirati fuori dai vigili del fuoco. I piccoli sono rimasti per due giorni intrappolati, ma ce l'hanno fatta. Il primo a essere portato in ospedale è stato Gianfilippo, il figlio di Giampiero Parete, l'uomo che è scampato per caso alla valanga e ha dato l'allarme il 18 pomeriggio. Gli altri bambini sono Samuele, il figlio di Dino Di Michelangelo e Marina Serraiocco, Edoardo, il figlio di Sebastiano e Nadia Di Carlo, e Ludovica, la seconda figlia dei Parete.

 

Video - I Vigili del Fuoco estraggono i primi sopravvissuti


Adriana, la moglie di Giampiero è stata la prima donna salvata, insieme al figlio Gianfilippo. «Andate da mia figlia è nella stanza accanto», ha implorato riferendosi a Ludovica, estratta poi insieme agli altri due bimbi.

 

Giampiero e Adriana abitano a Montesilvano (Pescara) ed erano in vacanza con i figli al Rigopiano. Insieme a tutti gli altri ospiti dell'albergo, avevano pagato e avevano raggiunto la hall, pronti per ripartire non appena fosse arrivato lo spazzaneve. Sono spaventati, ma sono insieme: tutti salvi.

Ludovica, "voglio i miei biscotti" - "Voglio i miei biscotti". Questa la prima richiesta di Ludovica, 6 anni, la figlia di Giampiero Parete, l'uomo di 38 anni che per primo ha lanciato l'allarme dall'hotel di Rigopiano. A riferire le parole della bambina, estratta viva questa sera dalle macerie, è Quintino Marcella, amico e datore di lavoro di Giampiero, che ha parlato al telefono con lei. "Ha chiesto i suoi biscotti, i suoi preferiti. La bambina sta bene. Certo, la famiglia Parete è provata, ma Gesù ha riconsegnato loro quello che hanno seminato, perché sono delle persone stupende".

Moglie Parete, non ci credevamo più - "Non ci credevamo più, non ci speravamo più": è quanto ha detto Adriana Parete ai soccorritori che l'hanno estratta viva dalle macerie insieme al figlio Gianfilippo.

Vivi anche Domenico Di Michelangelo, 41 anni, di Chieti, poliziotto in servizio a Osimo (Ancona) ela moglie Marina Serraiocco, 37 anni, di Popoli, genitori del piccolo Samuele.

«Bravo Chicco, bravo!», urlano vigili del fuoco e uomini del soccorso alpino al bambino che esce dalla buca dell'hotel Rigopiano, una 'sacca d'arià che lo ha salvato dalla valanga. Un grido liberatorio tra brevi applausi. È uno dei simboli di una giornata che ha visto gli specialisti della neve compiere ciò che ieri sembrava quasi impossibile: salvare vite umane sotto una montagna di bianco e detriti.

Se già da ieri erano gli eroi e i protagonisti, oggi sono anche vincenti, perché strappare una decina di vite su trenta alla furia del Gran Sasso accresciuta dal terremoto è impresa non comune. Aveva ragione ancora stamani il portavoce del Soccorso alpino nazionale, Walter Milan, dicendo che «in teoria anche in queste condizioni meteo molto difficili, se si sono create delle 'sacchè di aria dove ripararsi, potrebbero sopravvivere 2 forse 3 giorni, anche se é difficile». Così è stato e a raccontare il primo contatto con i superstiti è il vicebrigadiere del soccorso alpino della Guardia di Finanza Marco Bini

«Ci hanno abbracciati - ha detto -, erano contentissimi. È stato un momento bellissimo, sensazioni indescrivibili». «La neve li ha protetti, assieme alla struttura dell'albergo - ha spiegato -. La neve come sappiamo a livello tecnico ti protegge molto». Il finanziere ha aggiunto che anche il forte odore di bruciato che sale dalle macerie dell'hotel Rigopiano - probabilmente piccoli incendi di materiali - e il fumo hanno guidato i soccorritori nei punti dove sono stati trovati i superstiti. «Lì avevamo visto che la neve cedeva e si poteva scavare», ha raccontato. Una volta raggiunta la 'camera d'arià, un ambiente formatosi in locali dell'albergo non travolti dalla valanga,i soccorritori dopo aver messo in sicurezza i primi superstiti si sono mossi dall'interno, in particolare i vigili del fuoco e il soccorso alpino. Con estrema cautela per la pericolosità estrema della situazione.

Alle ricerche ha partecipato l'ex forestale ora nell'Arma dei carabinieri Sonia Marini, di 30 anni, originaria di Penne, che proprio domenica scorsa era stata al centro benessere dell'hotel Rigopiano, del quale conosce bene il titolare. Ora la militare si chiede come sarà lo spettacolo di devastazione con il disgelo in primavera. «Abbiamo iniziato a scavare e non ci siamo mai fermati», ha raccontato ancora il vicebrigadiere Bini, il quale nel pomeriggio era ancora ottimista sulla possibilità di trovare altre persone in vita. «Assolutamente sì, abbiamo la speranza di trovarne altri vivi - diceva -. Potrebbero esserci altre sacche d'aria». Il numero dei salvati e dei segnalati ancora in vita è andato crescendo di ora in ora, tra cifre un pò imprecise date da varie fonti dei soccorsi. Alla fine una giornata che si annunciava tragica per i soccorritori è stata memorabile.

 

Short URL: http://2cg.it/48d

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2021 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site