LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXI

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Cinema - E' morta Sue Lyon la celebre Lolita di Kubrick Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 27 Dicembre 2019 10:26

Se ne è andata Lolita, la celebre Sue Lyon che ebbe il ruolo dell'adolescente che fa perdere la testa a Hubert Humbert (un grande James Mason) nel capolavoro di Kubrick, appunto, Lolita

Un personaggio che l'ha stritolata nel corso della sua carriera e che superata l'età adolescenziale non le ha consentito di girare molti altri film

 

 

Una vita sentimentale anch'essa molto travagliata e costellata da 5 matrimoni.

Si è spenta a 73 anni dopo una lunga malattia

 

Biografia

Ultima di cinque figli, pochi mesi dopo la sua nascita perse il padre, che lasciò la famiglia in una grave situazione economica che spingerà nel 1958 la vedova Sue Karr Lyon a trasferirsi in California, nei dintorni di Los Angeles; in questa città la giovane Suellyn mosse i primi precoci passi nel mondo dello spettacolo, prima posando come modella per un catalogo della catena di grandi magazzini J. C. Penney, quindi partecipando come attrice bambina con piccoli ruoli alle serie televisive Dennis la minaccia e Letter to Loretta[3].

Sul set di quest'ultimo show, la ragazza venne notata dal regista Stanley Kubrick, che la propose nella produzione del film Lolita (1962) per il ruolo da protagonista accanto a James Mason e Shelley Winters: dopo un colloquio tenuto con lo stesso regista e con il produttore James B. Harris, e con il benestare di Vladimir Nabokov, autore del romanzo e della sceneggiatura da cui la pellicola era tratta, la quattordicenne Lyon venne ingaggiata, battendo così la concorrenza di ben altre 800 aspiranti.

Il ruolo di Lolita la trasformò subito in una promettente stellina, consentendole di interpretare altri ruoli di giovane tentatrice, piuttosto conturbante e audace per l'epoca, come in La notte dell'iguana (1964) di John Huston, Missione in Manciuria (1966) di John Ford, L'investigatore (1967) di Gordon Douglas e Carta che vince, carta che perde (1967) di Irvin Kershner, tutti film in cui la Lyon ebbe l'opportunità di recitare accanto a famosi attori. Tuttavia alla fine di quel decennio, e superata l'adolescenza, il successo si affievolì e il cinema tese rapidamente a dimenticarla, relegandola soprattutto al ricordo del famoso film di Kubrick e anche di quello di Huston. Saltuariamente attiva sulle scene, dopo essere apparsa in qualche produzione televisiva minore e nel film horror Alligator (1980) di Lewis Teague, che non riscosse un grande successo, l'attrice si ritirò definitivamente dal mondo dello spettacolo e dalle apparizioni pubbliche, rifiutandosi di concedere interviste.

Ebbe una vita sentimentale assai burrascosa: si sposò e divorziò per cinque volte (il primo, nel 1963, durato due anni, fu con l'attore Hampton Fancher) ed ebbe dal secondo marito, Roland Harrison, una figlia, Nona Harrison. Quasi tutte le unioni durarono poco più di un anno, mentre il quinto matrimonio, con Richard Rudman, fu il più duraturo, dal 1985 al 2002.

Da tempo malata, è morta a Los Angeles il 26 dicembre 2019, all'età di 73 anni.

Filmografia

Cinema

  • Lolita, regia di Stanley Kubrick (1962)
  • La notte dell'iguana (The Night of the Iguana), regia di John Huston (1964)
  • Missione in Manciuria (7 Women), regia di John Ford (1966)
  • L'investigatore (Tony Rome), regia di Gordon Douglas (1967)
  • Carta che vince, carta che perde (The Flim Flam Man), regia di Irvin Kershner (1967)
  • I quattro sul sentiero di sparo (Four Rode Out), regia di John Peyser (1970)
  • Evel Knievel, regia di Marvin J. Chomsky (1971)
  • Erica... un soffio di perversa sessualità (Tarot), regia di José María Forqué (1973)
  • Una gota de sangre para morir amando, regia di Eloy de la Iglesia (1973)
  • The Astral Factor, regia di John Florea (1976)
  • Crash!, regia di Charles Band (1977)
  • End of the World, regia di John Hayes (1977)
  • Towing, regia di Maura Smith (1978)
  • Alligator, regia di Lewis Teague (1980)

Televisione

  • Arsenico e vecchi merletti (Arsenic and Old Lace), regia di Robert Scheerer – film TV (1969)
  • Le donne preferiscono il vedovo (But I Don't Want to Get Married!), regia di Jerry Paris – film TV (1970)
  • Smash-Up on Interstate 5, regia di John Llewellyn Moxey – film TV (1976)
  • Don't Push, I'll Charge When I'm Ready, regia di Nathaniel Lande – film TV (1977)

Doppiatrici italiane

  • Vittoria Febbi in La notte dell'iguana, Missione in Manciuria
  • Maria Pia Di Meo in Lolita
  • Germana Calderini in Lolita (Lolita da bambina)

Discografia

Nel 1962, in seguito all'uscita del film Lolita, la MGM Records pubblicò oltre alla classica colonna sonora in versione LP, un singolo 45 giri contenente sul lato A la traccia Lolita Ya Ya, peraltro già presente nell'LP, e sul lato B l'inedita Turn Off the Moon. Entrambe le canzoni furono incise da Sue Lyon.

 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2020 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXI
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site