LIBERTÀ
EGUAGLIANZA
MONITORE NAPOLETANO
Fondato nel 1799 da
Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
Anno CCXXIII

Rifondato nel 2010
Direttore: Giovanni Di Cecca

Cinema - E' morto Sean Connery, aveva 90 anni Stampa
Scritto da Redazione   
Sabato 31 Ottobre 2020 13:39

"Il mio nome è Bond, James Bond!", un marchio di fabbrica che lo ha reso celebre in tutto il mondo.

Il mondo del Cinema dice oggi addio ad uno degli attori più influenti della sua epoca, osannato come un Sex Symbol negli anni '60-'70 del XX Secolo, che ha saputo divertire e divertirsi sul grande schermo regalando agli spettatori personaggi complessi, ma sempre dannatamente eroici.

 

Video - Mr. Bond, James Bond

 

James Bond fu il suo trampolino verso la fama universale, ma le interpretazioni di Caccia a Ottobre Rosso, e Guglielmo da Baskerville in Il Nome della Rosa, di Annaud, lo hanno reso immortale.

La meritata Statuetta, arriva con una magistrale interpretazione (peccato solo 1 Oscar come miglior attore non protagonista) di un poliziotto di origine iralndese in Gli Intoccabili di Brian De Palma.

Un posto speciale meritano due interpretazioni: quello del Padre di Indiana Jones, Henry Jones Sr. (Indiana Jones e l'ultima Crociata di Spielberg) e quello di Robin Hood in Robin e Marian (di Richard Lester) con la splendidamente eterea Audery Hepburn.

Dal 2003 si era ritirato dalle scene dopo aver interpretato Allan Quatermain in La leggenda degli uomini straordinari.


La scheda

Sir Thomas Sean Connery (Edimburgo, 25 agosto 1930 – Bahamas, 31 ottobre 2020) è stato un attore e produttore cinematografico britannico, vincitore di un Premio Oscar, tre Golden Globe (compreso l'Henrietta Award e quello alla carriera) e due Premi BAFTA.

Ha raggiunto la celebrità grazie al personaggio di James Bond[1] del quale è stato il primo interprete cinematografico; la sua incarnazione dell'Agente 007 nell'omonima saga è riconosciuta dalla quasi unanimità della critica e del pubblico come la migliore in assoluto, diventando il simbolo del personaggio nato dalla penna di Ian Fleming. In questo periodo ha lavorato anche con registi del calibro di Alfred Hitchcock e Sidney Lumet.

In seguito ha preso parte a film d'avventura tra cui Caccia a Ottobre Rosso, Highlander - L'ultimo immortale e Il nome della rosa con il quale vince il BAFTA al miglior attore protagonista e interpretato personaggi più complessi in pellicole drammatiche come in Scoprendo Forrester. È noto anche per l'interpretazione dell'incorruttibile poliziotto irlandese Jimmy Malone in The Untouchables - Gli intoccabili con il quale ha vinto l'Oscar al miglior attore non protagonista e un Golden Globe per il miglior attore non protagonista.

Si è ritirato dalle scene nel 2003, dopo aver interpretato Allan Quatermain in La leggenda degli uomini straordinari.


Biografia

Le origini

Nasce a Fountainbridge, un sobborgo di Edimburgo, il 25 agosto del 1930 da Joseph Connery, un contadino e camionista scozzese figlio di immigrati irlandesi, e da Euphemia "Effie" McBain, una cameriera scozzese. Ha un fratello minore, Neil, anch'egli attore. All'età di undici anni inizia a prendere lezioni di danza; a sedici decide di lasciare la scuola e di arruolarsi nella Marina Militare Britannica. A questo periodo risalgono due particolari tatuaggi che si fa apporre sul braccio destro: "Scotland Forever" ("Scozia per sempre") e "Mom & Dad" ("Mamma & Papà"). La sua esperienza nella Royal Navy si interrompe nel 1950, quando non supera le visite mediche per una grave ulcera gastrica ed è congedato.

Gli inizi

Connery esercitò allora svariati mestieri, tra cui il bagnino, il muratore, il lavapiatti, il verniciatore di bare, la guardia del corpo e infine il modello. All'età di diciannove anni posò nudo per l'Edinburgh Art College, e iniziò a manifestare quella che inizialmente sembrò una sfortuna, la precoce calvizie, caratteristica che in seguito contribuì ad aumentare il suo fascino maturo.

All'inizio degli anni cinquanta Connery iniziò a farsi conoscere sulle scene inglesi: dopo diverse piccole parti in ambito teatrale, nel 1951 prese parte al musical South Pacific, in scena a Londra. Grazie al fisico slanciato e atletico, all'alta statura (1,89 metri) e allo sguardo ammaliante, il giovane Sean partecipò inoltre al concorso di Mister Universo (1953), in rappresentanza della Scozia, classificandosi al terzo posto. Fu il trampolino di lancio per il suo definitivo ingresso nel mondo dello spettacolo, e iniziò con piccole parti in produzioni televisive e in pellicole cinematografiche che gli procurarono una discreta notorietà; tra queste ultime si segnalano Il bandito dell'Epiro (1957) di Terence Young, Estasi d'amore - Operazione Love (1958) di Lewis Allen, con protagonista Lana Turner, e Darby O'Gill e il re dei folletti (1959) di Robert Stevenson, prodotto da Walt Disney.


Il grande successo con James Bond

La decisiva svolta professionale giunse per Connery nel 1962, quando fu scelto da Albert Broccoli e Harry Saltzman per interpretare James Bond, nome in codice 007, l'agente segreto britannico protagonista dei romanzi di Ian Fleming, ruolo che ricoprì in sette pellicole (compresa una fuori serie). Per esigenze dei produttori, Connery fu costretto a indossare un toupet, a causa della calvizie e del fatto che un capo scoperto avrebbe certamente nuociuto al fascino del personaggio di Bond; l'attore ne farà tuttavia uso anche in interpretazioni successive come in Marnie.

Nuovamente diretto da Terence Young, dopo una prima collaborazione nel 1957, Connery si dimostrò perfetto per quel ruolo, sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista caratteriale: astuto, elegante, freddo, seducente, in breve divenne uno dei più celebri sex symbol del pianeta. Curiosamente, qualche tempo prima aveva partecipato ad un concorso, indetto dal giornale London Express, indetto per scegliere il futuro James Bond cinematografico, ma si era classificato solo al 3º posto. Recitò inoltre accanto a famose donne che più tardi divennero star del cinema tra le quali Ursula Andress e Daniela Bianchi. Il primo film Agente 007 - Licenza di uccidere ottenne un successo strepitoso e convinse Connery a vestire ancora i panni di 007 per altre quattro pellicole A 007, dalla Russia con amore (1963), Agente 007 - Missione Goldfinger (1964), Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono) (1965) e Agente 007 - Si vive solo due volte (1967): tutti ebbero straordinario successo sia di incassi che di critica.

Interpretò il ruolo di 007 fino al 1967, quando durante le riprese del quinto film Agente 007 - Si vive solo due volte di Lewis Gilbert, Connery decise di abbandonare il personaggio, preoccupato della sua identificazione solo con l'agente segreto. Verrà sostituito da George Lazenby nel successivo film Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà (1969) di Peter R. Hunt.

Nel 1971, dopo lunghe e complesse trattative causate dalle insistenze della produzione e dalle recensioni negative del pubblico su Lazenby, Connery riprese il ruolo nel film Agente 007 - Una cascata di diamanti di Guy Hamilton, raggiungendo un accordo con i produttori; dopo il successo della pellicola il suo addio divenne definitivo passando così il testimone a Roger Moore. Tuttavia nel 1983 tornerà nuovamente sui suoi passi grazie al compenso record per il film Mai dire mai di Irvin Kershner, un remake - fuori dal ciclo ufficiale - di Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono), già interpretato da Connery nel 1965.


La carriera dopo 007

Connery evitò di rimanere intrappolato in un unico ruolo grazie alle esperienze che seguirono, dimostrando capacità e versatilità in ruoli differenti e impegnativi, con registi prestigiosi come Sidney Lumet, Alfred Hitchcock e John Huston.

Il primo di questi ruoli fu in Marnie (1964) di Alfred Hitchcock, dove Connery interpretò la parte di un uomo flemmatico che deve far fronte ai gravi problemi psicologici della donna amata (Tippi Hedren). Nello stesso anno affiancò Gina Lollobrigida nel film La donna di paglia di Basil Dearden, dove vestì i panni dell'ambiguo Anthony Richmond. L'anno dopo recitò in La collina del disonore, diretto da Sidney Lumet, in cui esordì abilmente anche nel genere carcerario, mentre fu protagonista della commedia Una splendida canaglia (1966) di Irvin Kershner, al fianco di Joanne Woodward e Jean Seberg, che però non riscosse il successo sperato. Nel 1968 recitò insieme a Brigitte Bardot nel western Shalako di Edward Dmytryk, ma anche questa pellicola non convinse pienamente la critica.

Dopo un periodo di pausa, ritornò sui grandi schermi nel 1970 con I cospiratori di Martin RItt, pellicola a metà tra il dramma-storico e il dramma-politico in cui recitò accanto a Richard Harris, e con Rapina record a New York di Sidney Lumet, una delle sue migliori interpretazioni[5]. Nel 1972 apparve in due delle migliori pellicole della sua filmografia: Riflessi in uno specchio scuro di Sidney Lumet, dove interpreta un violento e sadico commissario di polizia, e soprattutto Zardoz di John Boorman, riconosciuto come uno dei migliori film di fantascienza degli anni settanta[6]. Nel 1974 collaborerà ancora con Lumet in Assassinio sull'Orient-Express, dal giallo di Agatha Christie, nel quale Connery vestì i panni del colonnello Arbuthnot.

In seguito ad alcune pellicole di poco conto come Ransom, stato di emergenza per un rapimento (1974) di Caspar Wrede, apparve in L'uomo che volle farsi re (1975) di John Houston, a fianco di Michael Caine, dove interpretò un eccentrico e visionario avventuriero, al contrario del vecchio e vulnerabile eroe in Robin e Marian (1976) di Richard Lester. Dopo il deludente Il prossimo uomo (1976) di Richard C. Sarafian, partecipò al film di guerra Quell'ultimo ponte (1977) di Richard Attenborough, per poi chiudere il decennio con l'avventuroso 1855 - La prima grande rapina al treno (1979) di Michael Crichton e il kolossal Meteor (1979) di Ronald Neame. Gli anni ottanta iniziano con il fantascientifico Atmosfera zero (1981) di Peter Hyams, dove interpreta uno sceriffo federale mandato nello spazio per indagare su alcune morti sospette: il film ebbe un discreto successo di incassi, ma la critica lo accolse tiepidamente. Più fortuna ebbe il successivo I banditi del tempo (1981) di Terry Gilliam, ancora una volta nel pieno della fantascienza con l'aggiunta di un lato ironico. Nel 1982 fu protagonista del drammatico Cinque giorni una estate di Fred Zinnemann, mentre si trovò a suo agio nella saga epica di Highlander - L'ultimo immortale (1986) di Russell Mulcahy, accanto a Christopher Lambert.


L'Oscar e la definitiva consacrazione

Un grande consenso della critica arrivò con l'interpretazione di Guglielmo da Baskerville, il monaco enigmatico, ma razionale del film Il nome della rosa (1986) di Jean-Jacques Annaud, tratto dall'omonimo romanzo scritto da Umberto Eco. Il film ottenne un consenso straordinario in tutto il mondo e Connery guadagnerà il Premio BAFTA come miglior attore e diverrà una delle più celebri interpretazioni della sua carriera.

Con il film The Untouchables - Gli intoccabili (1987) di Brian De Palma, Connery ottenne la definitiva consacrazione grazie al ruolo di Jimmy Malone, incorruttibile poliziotto e difensore della giustizia, accanto a Kevin Costner, Robert De Niro e Andy García. Per questa interpretazione ottenne un premio Oscar e un Golden Globe nella categoria miglior attore non protagonista. Nel romanzo Operazione Scorpius di John Gardner è il film proiettato durante un viaggio in aereo e Bond lo rivede volentieri perché vi compare "il suo attore preferito".

Seguirono il thriller Il presidio - Scena di un crimine (1988) di Peter Hyams, mentre nel 1989 regalò altre due interpretazioni: in Sono affari di famiglia, diretto nuovamente da Sidney Lumet, con Dustin Hoffman e Matthew Broderick, fu un affascinante ed astuto ladro, mentre in Indiana Jones e l'ultima crociata di Steven Spielberg, con Harrison Ford, interpretò il padre del protagonista. Ne La casa Russia (1990), diretto da Fred Schepisi e tratto dall'omonimo romanzo di John le Carré, recitò la parte dell'anticonformista editore/clarinettista Bartholomew 'Barley' Scott Blair, che viene coinvolto insieme a Michelle Pfeiffer in un'intricata spy-story internazionale ambientata a Mosca.

Sempre nel 1990 vestì i panni di Marko Ramius, comandante del sottomarino sovietico Ottobre Rosso in Caccia a Ottobre Rosso diretto da John McTiernan. L'anno dopo partecipò al film Robin Hood - Principe dei ladri di Kevin Reynolds, dove in un cameo interpreta Riccardo Cuor di Leone. Nel 1994 prese parte al film Il primo cavaliere, con Richard Gere e Julia Ormond, dove interpretò Re Artù, mentre fu un elegante ma micidiale ex agente segreto britannico, ingiustamente imprigionato negli Stati Uniti, nell'avventuroso The Rock (1996) di Michael Bay. Vestì di nuovo i panni di un ladro, complice di Catherine Zeta Jones, in Entrapment (1999) di Jon Amiel.

Nel 2000 co-produsse e interpretò Scoprendo Forrester di Gus Van Sant, nel quale fu un vecchio e introverso scrittore. Fu nominato Sir nel 2002. Nel 2003 fu protagonista e co-produttore esecutivo ne La leggenda degli uomini straordinari di Stephen Norrington, ispirato al fumetto La Lega degli Straordinari Gentlemen e in cui interpreta un anziano Allan Quatermain. A posteriori, lo stesso Connery affermò che la disastrosa esperienza di questo film lo portò a riflettere sullo stato dell'industria cinematografica e lo convinse a ritirarsi dalle scene. L'attore scozzese commentò dicendosi "stufo di avere a che fare con degli idioti".


Il ritiro e anni recenti

Nel 2005 Connery affermò in un'intervista a The New Zealand Herald di volersi ritirare dalla recitazione; nella stessa intervista rivelò di aver rifiutato il ruolo di Gandalf nella trilogia Il Signore degli Anelli perché non l'aveva "mai capito" e di Albus Silente nella saga di Harry Potter perché non credeva nel progetto. Quello stesso anno l'attore tornò un'ultima volta nei panni di James Bond, prestando voce e fattezze al personaggio nel videogioco Dalla Russia con amore, tratto dall'omonimo film. Nel 2012 diede voce al protagonista del film d'animazione Sir Billi, di cui fu anche produttore esecutivo, in quella che è ad oggi la sua ultima interpretazione.

Muore il 31 ottobre 2020 all'età di 90 anni

Vita privata

Connery è sempre stato molto geloso della propria privacy. Si è sposato due volte: nel 1962 con l'attrice australiana Diane Cilento, dalla quale ha avuto un figlio, Jason, anch'egli diventato attore, che gli ha dato un nipote, Dashiell (1997). Divorziato nel 1973, due anni dopo si è risposato con la pittrice Micheline Roquebrune.

Impegno per l'ambiente

Dal 2011 Sean Connery, vegano, fa parte dell'Advisory Board dell'organizzazione per la protezione della vita marina Sea Shepherd. Nel 2014 ha lottato, insieme all'organizzazione Save the Bays, contro l'ostruzione di una costiera alle Bahamas. In più supporta finanziariamente il progetto per la protezione del clima di Al Gore.


L'impegno per la Scozia

Connery ha sempre professato il proprio orgoglio di scozzese e l'amore profondo per il proprio paese, soprattutto quando se ne è trovato al di fuori. Ha sostenuto con vigore la campagna per l'indipendenza della Scozia in occasione del referendum del 2014 e ha supportato il Partito Nazionale Scozzese (SNP), sia finanziariamente che attraverso apparizioni pubbliche. Celebri sono le sue uscite pubbliche in kilt, il classico indumento scozzese, e il tatuaggio sul braccio destro "Scotland Forever", che tuttavia non ha mai permesso che si notasse nei suoi film.

Filmografia

Attore

Cinema

  • Le armi del re (Lilacs in the Spring), regia di Herbert Wilcox (1954) – non accreditato
  • Club di gangsters (No Road Back), regia di Montgomery Tully (1957)
  • I piloti dell'inferno (Hell Drivers), regia di Cy Endfield (1957)
  • La grande porta grigia (Time Lock), regia di Gerald Thomas (1957)
  • Il bandito dell'Epiro (Action of the Tiger), regia di Terence Young (1957)
  • Estasi d'amore - Operazione Love (Another Time, Another Place), regia di Lewis Allen (1958)
  • Titanic, latitudine 41 nord (A Night to Remember), regia di Roy Ward Baker (1958) – non accreditato
  • Darby O'Gill e il re dei folletti (Darby O'Gill and the Little People), regia di Robert Stevenson (1959)
  • Il terrore corre sul fiume (Tarzan's Greatest Adventure), regia di John Guillermin (1959)
  • Scotland Yard sezioni omicidi (The Frightened City), regia di John Lemont (1961)
  • A 077, dalla Francia senza amore (On the Fiddle), regia di Cyril Frankel (1961)
  • Il giorno più lungo (The Longest Day), regia di Ken Annakin (1962)
  • Agente 007 - Licenza di uccidere (Dr. No), regia di Terence Young (1962)
  • A 007, dalla Russia con amore (From Russia with Love), regia di Terence Young (1963)
  • La donna di paglia (Woman of Straw), regia di Basil Dearden (1964)
  • Marnie, regia di Alfred Hitchcock (1964)
  • Agente 007 - Missione Goldfinger (Goldfinger), regia di Guy Hamilton (1964)
  • La collina del disonore (The Hill), regia di Sidney Lumet (1965)
  • Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono) (Thunderball), regia di Terence Young (1965)
  • Una splendida canaglia (A Fine Madness), regia di Irvin Kershner (1966)
  • Un mondo nuovo (Un monde nouveau), regia di Vittorio De Sica (1966) – non accreditato
  • Agente 007 - Si vive solo due volte (You Only Live Twice), regia di Lewis Gilbert (1967)
  • Shalako, regia di Edward Dmytryk (1968)
  • La tenda rossa (Krasnaya palatka), regia di Mikheil Kalatozishvili (1969)
  • I cospiratori (The Molly Maguires), regia di Martin Ritt (1970)
  • Rapina record a New York (The Anderson Tapes), regia di Sidney Lumet (1971)
  • Agente 007 - Una cascata di diamanti (Diamonds Are Forever), regia di Guy Hamilton (1971)
  • Riflessi in uno specchio scuro (The Offence), regia di Sidney Lumet (1972)
  • Zardoz, regia di John Boorman (1974)
  • Ransom, stato di emergenza per un rapimento (Ransom), regia di Nils Tahivik (1974)
  • Assassinio sull'Orient Express, regia di Sidney Lumet (1974)
  • Il vento e il leone (The Wind and the Lion), regia di John Milius (1975)
  • L'uomo che volle farsi re (The Man Who Would Be King), regia di John Huston (1975)
  • Robin e Marian (Robin and Marian), regia di Richard Lester (1976)
  • Il prossimo uomo (The Next Man), regia di Richard C. Sarafian (1976)
  • Quell'ultimo ponte (A Bridge Too Far), regia di Richard Attenborough (1977)
  • 1855 - La prima grande rapina al treno (The First Great Train Robbery), regia di Michael Crichton (1979)
  • Meteor, regia di Ronald Neame (1979)
  • Cuba, regia di Richard Lester (1979)
  • Atmosfera zero (Outland), regia di Peter Hyams (1981)
  • I banditi del tempo (Time Bandits), regia di Terry Gilliam (1981)
  • Obiettivo mortale (Wrong Is Right), regia di Richard Brooks (1982)
  • Cinque giorni una estate (Five Days One Summer), regia di Fred Zinnemann (1982)
  • Mai dire mai (Never Say Never Again), regia di Irvin Kershner (1983)
  • Sword of the Valiant - The Legend of Sir Gawain and the Green Knight, regia di Stephen Weeks (1984)
  • Highlander - L'ultimo immortale (Highlander), regia di Russell Mulcahy (1986)
  • Il nome della rosa, regia di Jean-Jacques Annaud (1986)
  • The Untouchables - Gli intoccabili (The Untouchables), regia di Brian De Palma (1987)
  • Il presidio - Scena di un crimine (The Presidio), regia di Peter Hyams (1988)
  • Alla scoperta di papà (Memories of me), regia di Henry Winkler (1988) – non accreditato
  • Indiana Jones e l'ultima crociata (Indiana Jones and the Last Crusade), regia di Steven Spielberg (1989)
  • Sono affari di famiglia (Family Business), regia di Sidney Lumet (1989)
  • Caccia a Ottobre Rosso (The Hunt for Red October), regia di John McTiernan (1990)
  • La casa Russia (The Russia House), regia di Fred Schepisi (1990)
  • Highlander II - Il ritorno (Highlander II: The Quickening), regia di Russell Mulcahy (1991)
  • Robin Hood - Principe dei ladri (Robin Hood: Prince of Thieves), regia di Kevin Reynolds (1991)
  • Mato Grosso (Medicine Man), regia di John McTiernan (1992)
  • Sol levante (Rising Sun), regia di Philip Kaufman (1993)
  • Alla ricerca dello stregone (A Good Man in Africa), regia di Bruce Beresford (1994)
  • La giusta causa (Just Cause), regia di Arne Glimcher (1995)
  • Il primo cavaliere (First Knight), regia di Jerry Zucker (1995)
  • The Rock, regia di Michael Bay (1996)
  • The Avengers - Agenti speciali (The Avengers), regia di Jeremiah S. Chechik (1998)
  • Scherzi del cuore (Playing by Heart), regia di Willard Carrol (1998)
  • Entrapment, regia di Jon Amiel (1999)
  • Scoprendo Forrester (Finding Forrester), regia di Gus Van Sant (2000)
  • La leggenda degli uomini straordinari (The League of Extraordinary Gentlemen), regia di Stephen Norrington (2003)

Televisione

  • Dixon of Dock Green - serie TV, 1 episodio (1956)
  • Sailor of Fortune - serie TV, 1 episodio (1956)
  • The Condemned, di Patrick Alexander - film TV (1956)
  • The Jack Benny Program - serie TV, 1 episodio (1957)
  • BBC Sunday-Night Theatre - serie TV, 1 episodio (1957)
  • ITV Television Playhouse - serie TV, 1 episodio (1957)
  • Blood Money, regia di Ralph Nelson - film TV (1957)
  • Anna Christie - film TV (1957)
  • Women in Love, regia di Julian Amyes e Joan Kemp-Welch - film TV (1958)
  • Armchair Theatre - serie TV, 1 episodio (1958)
  • Disneyland - serie TV, 1 episodio (1959)
  • ITV Play of the Week - serie TV, 5 episodi (1959-1960)
  • An Age of Kings - serie TV, 5 episodi (1960)
  • Without the Grail - film TV (1960)
  • Riders to the Sea, regia di George R. Foa - cortometraggio (1960)
  • Macbeth, regia di Paul Almond - film TV (1961)
  • Anna Karenina, regia di Rudolph Cartier - film TV (1961)
  • Adventure Story, regia di Basil Dearden - film TV (1961)
  • ITV Saturday Night Theatre - serie TV, 1 episodio (1969)
  • Male of the Species, regia di Charles Jarrott - film TV (1969)
  • España campo de golf (documentario), regia di Raúl Peña - film TV (1972)
  • The Dream Factory (documentario), regia di Michael Negrin - film TV (1975)
  • Freedom: A History of Us - serie TV, 1 episodio (2003)

Teatro

  • Sixty Glorious Years, regia di Robert Nesbitt (1953)
  • South Pacific, regia di Joshua Logan (1953)
  • Witness for the Prosecution, regia di Robert Henderson (1955)
  • Point of Departure, regia di Frederick Farley (1955)
  • A Witch in Time, regia di Robert Henderson (1955)
  • The Good Sailor, regia di Frith Banbury (1956)
  • The Bacchae (Le Baccanti), regia di Minos Volanakis (1959)
  • The Sea Shell, regia di Henry Kaplan (1959)
  • Anna Christie, regia di Douglas Seale (1960)
  • Naked (Vestire gli ignudi), regia di Minos Volanakis (1960)
  • Judith, regia di Christopher Fry (1962)

Doppiatore o voce narrante

  • Sean Connery's Edinburgh (documentario televisivo) (1981)
  • G'olé!, regia di Tom Clegg (1982)
  • Dragonheart, regia di Rob Cohen (1996)
  • Dalla Russia con amore (James Bond 007: From Russia with Love) (videogioco) (2005) – James Bond
  • Sir Billi, regia di Sascha Hartmann (2012)

Radio

  • After the Funeral, regia di Ian Cottrell (1986)

Regista

  • The Bowler and the Bunnet (documentario televisivo) (1967)[22]
  • I've Seen You Cut Lemons (lavoro teatrale) (1969)
  • Sean Connery's Edinburgh (documentario televisivo) (1981)[22]

Produttore

  • The Bowler and the Bunnet (documentario televisivo), regia di Sean Connery (1967)
  • Mato Grosso (Medicine Man), regia di John McTiernan (1992)
  • Sol levante (Rising Sun), regia di Philip Kaufman (1993)
  • La giusta causa (Just Cause), regia di Arne Glimcher (1995)
  • The Rock, regia di Michael Bay (1996)
  • Art (lavoro teatrale), regia di Matthew Warchus (1998)
  • Entrapment, regia di Jon Amiel (1999)
  • Scoprendo Forrester (Finding Forrester), regia di Gus Van Sant (2000)
  • La leggenda degli uomini straordinari (The League of Extraordinary Gentlemen), regia di Stephen Norrington (2003)
  • Sir Billi, regia di Sascha Hartmann (2012)

Discografia

  • Pretty Irish Girl, di Oliver Wallace e Lawrence Edward Watkin (1959) (dal film Darby O'Gill e il re dei folletti)
  • Ballamaquilty's Band, motivo tradizionale (1959) (dal film Darby O'Gill e il re dei folletti)
  • Peter and the Wolf (Pierino e il lupo), di Sergej Sergeevič Prokof'ev (1966) (voce narrante)

Riconoscimenti

Premi cinematografici

Premi Oscar

  • 1988 - Miglior attore non protagonista per The Untouchables - Gli intoccabili

Tony Award

  • 1998 - Miglior attore per Art (Interpretazione teatrale)

British Academy Film Awards (Premi BAFTA)

  • 1988 - Miglior attore protagonista per Il nome della rosa
  • 1998 - Academy fellowship

Bambi Awards

  • 1985 - Premio film internazionali

Blockbuster Entertainment Awards

  • 1997 - Attore non protagonista preferito (Azione/Avventura) per The Rock

Christopher Award

  • 2001 - Miglior film per Scoprendo Forrester

Deutscher Filmpreis

  • 1987 - Miglior attore protagonista per Il nome della rosa

European Film Awards

  • 1999 - Premio al miglior attore europeo per Entrapment
  • 2005 - Premio alla carriera

Directors Guild of America Award

  • 1987 - D.W. Griffith Awards al miglior attore non protagonista per The Untouchables - Gli intoccabili

Golden Globe

  • 1972 - Henrietta Award maschile (ex aequo con Charles Bronson)
  • 1988 - Miglior attore non protagonista per The Untouchables - Gli intoccabili
  • 1996 - Cecil B. DeMille Award alla carriera

Jupiter Award

  • 1986 - Miglior attore internazionale per Il nome della rosa
  • 1989 - Miglior attore internazionale per Indiana Jones e l'ultima crociata

Kansas City Film Critics Circle Awards

  • 1987 - Miglior attore non protagonista per The Untouchables - Gli intoccabili

Laurel Awards

  • 1964 - Miglior attore debuttante
  • 1965 - Alloro d'oro per interpretazione in film d'azione per Agente 007 - Missione Goldfinger
  • 1966 - Alloro d'oro per interpretazione in film d'azione per Operazione tuono

London Critics Circle Film Awards

  • 1988 - Attore dell'anno per The Untouchables - Gli intoccabili

MTV Movie Awards

  • 1997 - Miglior coppia cinematografica per The Rock con Nicolas Cage

National Board of Review Award

  • 1987 - Miglior attore non protagonista per The Untouchables - Gli intoccabili
  • 1993 - Premio alla carriera

Online Film & Television Association Awards

  • 1997 - Migliore doppiatore per Dragonheart

Satellite Awards

  • 2001 - Miglior attore protagonista per Scoprendo Forrester

Variety Club of Great Britain

  • 1965 - Cuore d'Argento per il miglior attore dell'anno
  • 1989 - Cuore d'Argento per il miglior attore dell'anno

Altri premi alla carriera

  • American Cinematheque Gala Tribute - 1992
  • American Film Institute - 2006
  • BBC Scotland - Uomo dell'anno - 1991
  • CinEuphoria Awards - 2011
  • Premio David di Donatello - David speciale alla carriera - 1977
  • Festival internazionale del film di Roma - Marc'Aurelio d'oro alla carriera - 2006
  • Film Society of Lincoln Center - 1997
  • Gran Premio Internazionale dello Spettacolo (Telegatto) - 2002
  • Hasty Pudding Theatricals - 1984
  • Karlovy Vary International Film Festival - 2002
  • Kennedy Center Honors - 1999
  • Palm Springs International Film Festival - 2001
  • Royal Scottish Academy of Music and Drama - Fellowship - (1984)
  • Saturn Award (Golden Scroll) - Lifetime Achievement - 1995
  • ShoWest Convention - 1982 (Premio speciale Star mondiale dell'anno) e 1999 (Premio alla carriera)

Riconoscimenti accademici

  • Laurea honoris causa in lettere, Heriot-Watt University di Edimburgo (1981)
  • Uomo dell'anno, Università di Harvard (1984)
  • Laurea honoris causa in lettere, Università di St. Andrews (1990)

Onorificenze

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico

— 1999

Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor

— luglio 2002

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)

— 1991

Commendatore dell'Ordine delle Arti e della Letteratura (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine delle Arti e della Letteratura (Francia)

— 1987

Grand'Ufficiale dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panama) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panama)

— 11 marzo 2003

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sean Connery è stato doppiato da:

  • Pino Locchi in Agente 007 - Licenza di uccidere, A 007, dalla Russia con amore, La donna di paglia, Marnie, Agente 007 - Missione Goldfinger, La collina del disonore, Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono), Una splendida canaglia, Agente 007 - Si vive solo due volte, Shalako, Rapina record a New York, Agente 007 - Una cascata di diamanti, Riflessi in uno specchio scuro, Ransom, stato di emergenza per un rapimento, Assassinio sull'Orient Express, Quell'ultimo ponte, 1855 - La prima grande rapina al treno, Meteor, Atmosfera zero, I banditi del tempo, Mai dire mai, Highlander - L'ultimo immortale, Il nome della rosa, The Untouchables - Gli intoccabili, Il presidio, scena di un crimine, Indiana Jones e l'ultima crociata, Sono affari di famiglia, Caccia a Ottobre Rosso, La casa Russia, Highlander II - Il ritorno, Mato Grosso, Sol Levante, Alla ricerca dello stregone
  • Luciano De Ambrosis ne Il primo cavaliere, Scherzi del cuore, Entrapment, Scoprendo Forrester, Robin Hood - Principe dei ladri (ridoppiaggio)
  • Giancarlo Maestri ne Il vento e il leone, L'uomo che volle farsi re, Robin e Marian, Il prossimo uomo, Obiettivo mortale
  • Sergio Rossi ne I cospiratori, The Rock
  • Adalberto Maria Merli in Zardoz, La leggenda degli uomini straordinari
  • Riccardo Mantoni ne Il bandito dell'Epiro
  • Romano Malaspina in Estasi d'amore - Operazione Love
  • Massimo Rinaldi in Darby O'Gill e il re dei folletti
  • Renato Turi ne Il terrore corre sul fiume
  • Nino Bonanni ne Il giorno più lungo
  • Carlo D'Angelo in La tenda rossa
  • Bruno Alessandro in Cuba
  • Gianni Musy in Cinque giorni una estate
  • Mario Bombardieri in Robin Hood - Principe dei ladri
  • Osvaldo Ruggieri in La giusta causa
  • Glauco Onorato in The Avengers - Agenti speciali

Da doppiatore è sostituito da:

  • Giuseppe Albertini in G'olé!
  • Gigi Proietti in Dragonheart
 

dicecca.net - Web Site
Powered by dicecca.net - Web Site


Fondato nel 1799 da Carlo Lauberg ed Eleonora de Fonseca Pimentel
© 1799 - 2022 - MONITORE NAPOLETANO
Anno CCXXIII
Periodico mensile registrato presso il Tribunale di Napoli Num. 45 dell' 8 giugno 2011
ISSN 2239-7035 (del 14 luglio 2011)
Direttore Responsabile & Editore: GIOVANNI DI CECCA


MONITORE NAPOLETANO is a brand of dicecca.net - Web Site
2cg.it, short url redirector maker is a brand of dicecca.net - Web Site
calcio.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
olimpiadi.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
byte.pw, is a brand of dicecca.net - Web Site
MagnaPicture.com - Photo Agency is a brand of dicecca.net - Web Site